domenica 25 aprile 2010

Vergognoso l'atteggiamento del governo inglese nei confronti del Papa e dei Cattolici. La Santa Sede non liquidi l'episodio come "incidente"

Il vergognoso episodio del documento idiota sia occasione per il Vaticano di mettere qualche puntino sulle "i" nei rapporti con il Regno Unito. Mi auguro che passi del tempo prima che le scuse siano accettate. Nelle more c'e' da aspettarsi che siano chiariti alcuni aspetti fondamentali.
Damian Thompson mi pare molto chiaro. Clicca qui. (Qui una traduzione)

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Raffaella,

come ho già scritto: la colpa è nostra. Ti immagineresti un documento del genere su un imam? Io no, e sai perché?
1. perché i musulmani scenderebbero SUBITO (o aspetterebbero il venerdì) in piazza e sfascerebbero mezza Londra. Ma la loro violenza non vogliamo emularla.
2. perché i musulmani sono coperti da nazioni che contano molto più finanziariamente di quel carrozzone dell'Inghilterra: praticamente tutta la lega araba. E questa è la grandissima colpa dei cattolici: non darsi da fare perché al governo ci siano dei veri cattolici, che difendano la fede e se necessario il Santo Padre. Noi continuiamo a votare Casini, e i più "adulti" di noi addirittura una anticattolica al cubo come la Bonino. Nessuno di questi alzerebbe mai la voce contro l'Inghilterra e nessuno oserebbe chiamare le masse al boicottaggio dei prodotti inglesi.
Per gli inglesi noi cattolici e il Papa siamo un bersaglio facile: non ci difendiamo noi e non ci difende nessuno.
Vi ricordate l'episodio delle vignette su Maometto? Diversi paesi arabi boicottarono i prodotti danesi, come fu la reazione dei paesi europei, sempre pronti a dileggiare il Papa e la fede cattolica? Quasi tutti si smarcarono e dissero che era stata una scelta irresponsabile.
Dobbiamo capire che abbiamo a che fare con codardi di prima categoria!
jacu

Maria ha detto...

una volta, altro che trasferimento, il signor funzionario sarebbe stato licenziato in tronco, probabilmente anche in Gb!
Credo che si stiano superando i limiti (già superati) dell'inghiottire senza querelare. Rischiamo di diventare i buffoni che tutti possono prendere in giro come pare e piace....e su questo, non sono d'accordo.

Raffaella ha detto...

Concordo su tutta la linea!
Io pero' non parlei solo di Musulmani ma anche di esponenti di altre fedi...
R.

Raffaella ha detto...

Maria, ha colto il punto!
La Santa Sede inizi con il richiamare il nunzio apostolico.
R.

Anonimo ha detto...

@Raffaella

Avrei potuto citare altre religioni, con meno aderenti, che non protestano nelle strade, ma hanno due armi: la clava dell'olocausto e il fatto che siedono in posti chiave dell'economia e dell'editoria.

Jacu

Anonimo ha detto...

E dopo che la Santa Sede richiama il Nunzio? Sai quanto gliene frega!
Se però a richiamarlo fossero Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Austria, Messico e mezz'America Latina (paesi e continenti una volta quasi totalmente cattolici): il governo inglese non solo avrebbe chiesto scusa in ginocchio, ma avrebbe offerto al Papa la corona (ironia)!
Jacu

Raffaella ha detto...

Le elezioni sono alle porte e richiamare il nunzio o rispedire in patria l'ambasciatore sarebbe una mossa da non sottovalutare :-)
Docili come colombe, astuti come serpenti :-)
R.

Anonimo ha detto...

brava raffa!
i candidati alle elezioni hanno disperatamente bisogno del voto cattolico,soprattutto i laburisti.
non va sprecata questa occasione.

euge ha detto...

Condivido e sottoscrivo ogni vostro post!