martedì 20 aprile 2010

La nube islandese blocca e/o appieda i superpotenti della Terra. Solo l'umile lavoratore della Vigna del Signore approda senza intoppi a Malta :-)


Cari amici, sono sicura che anche alcuni di voi si sono posti, come me, alcune domande interessanti.
Innanzitutto ogni solidarieta' a quei passeggeri che stanno patendo una vera e propria odissea bloccati negli aeroporti o impegnati a trovare un posto libero su autobus o treni.
La situazione creatasi con l'eruzione vulcanica in Islanda e' drammatina e mi dispiace molto per i semplici costretti a terra.
C'e' pero' da riflettere su un altro dato, quello che riguarda i potentissimi della Terra :-)
Tutti a piedi, tutti saldamente ancorati al suolo, tutti coinvolti in vere e proprie odissee (emblematico il caso della Merkel...).
Oh, poveri potenti della Terra!
Un piccolo vulcano islandese ci ha mostrato quanto sia fragile la tanto osannata "modernità".
E' bastata un'eruzione in un luogo molto lontano dal Continente europeo per mandare in tilt tutto il traffico aereo e per appiedare primi ministri, re e presidenti.
Solo un uomo, che di sicuro non e' un potente della Terra, non e' stato costretto a cambiare di una virgola il suo programma: si tratta del Papa che, nel caos internazionale, ha iniziato e portato "felicissimamente" a termine il suo viaggio a Malta.
E' pur vero che l'isola si trova nel Mediterraneo e non nel centro o nel nord dell'Europa, ma sicuramente abbiamo su cui riflettere :-)
Una piccolo commento che volevo condividere con voi...

R.

11 commenti:

sonny ha detto...

Buongiorno Raffaella. Molto semplicemente si può dire che il Papa è abituato a nubi ben peggiori....

Maria ha detto...

;) Un piccolo commento che quoto in pieno! Padre Pio diceva: "Dio combina le combinazioni". In questo caso, la combinazione è che il viaggio fosse a Malta, mentre gli altri sono rimasti appiedati (o meglio....a-areati:D)

mariateresa ha detto...

ho avuto timore veramente che non potesse partire e poi che non potesse tornare a Roma. Ma il Signore gli ha fatto la grazia di un buon viaggio e in tutti i sensi.
Tutta questa terribile vicenda lo sta facendo conoscere sotto l'aspetto umano e della sua sensibilità. Anche se non si esibisce davanti ai media.
Vorrei solo che fosse meno stanco fisicamente. Ha passato un periodo da stroncare un bisonte.

Raffaella ha detto...

Grazie care amiche :-))

Mi rendo conto che il Papa sia molto stanco e vorrei che si riposasse un po'.
In tanti insistono sul "colpo di sonno" tralasciando di ricordare che spesso capita anche a chi ha un terzo dei suoi anni.
R.

Anonimo ha detto...

Sono rimasti a bocca aperta anche i grandi "scienziati", i meteorologi, i climatologi, i sismologi e i geologi, che nulla erano stati neanche capaci di prevedere. Ma invece che usare la vera ragione e imparare dai segni, sai che faranno i vari Veronesi, Levi Montalcini, Antinori sparsi per il mondo? Spalleggiati dai giornali di tutto l'occidente e da qualche ambientalista chiederanno ai governi - e otterranno dalle nostre tasche - nuovi ingenti fondi, così potranno fare un po' di "ricerca" e la prossima volta, prometteranno superbi, "si potrà volare".
Alberto

Maria ha detto...

Lella cara, hai proprio ragione...mio papà non ha proprio un terzo degli anni del Papa (arriva ai 59), ma altro che colpi di sonno :D certe volte è proprio un masso ^_*

Anonimo ha detto...

Ciao, Raffa! Ottimo commento :-)
A proposito di piccoli lasciati a terra, ho letto che Andrea Tornielli, che questa volta non ha partecipato al volo papale, ieri era bloccato a Malta. Speriamo sia riuscito a tornare.
Quanto ai "potenti della terra" farsi di tanto in tanto 60 ore di pulmann per tornare a casa può essere un salutare bagno di umiltà. Dio benedica l'umile, dolcissimo lavoratore della Vigna del Signore.
Alessia

sonny ha detto...

Per Alessia.
Se devo essere sincera, quando ho sentito del viaggio fantozziano di frau Merkel, mi deve essere comparso in viso un ghigno sinistro! Sentimento poco cristiano, ma molto autentico.

Anonimo ha detto...

Eheheheh, Sonny! Ti immagini Frau Angela costretta a fermarsi in autogrill per far pipì come tutti i comuni mortali?
Alessia

laura ha detto...

In effetti, si parlava di un rientro coplesso con una tappa in Sicilia e una partenza per Roma con un treno speciale, ma tutto è andato bene, grazie a Dio. Lo Spirito Santo ha soffiato nel modo giusto, in tutti i sensi

Roberto ha detto...

Fecit potentiam in brachio suo, *
dispersit superbos mente cordis sui,
deposuit potentes de sede, *
et exaltavit humiles;
......
Suscepit Israel, puerum suum, *
recordatus misericordiae suae
sicut locutus est ad patres nostros, *
Abraham et semini eius in saecula.

Bisogna avere fede. La Scrittura parla, si avvera e ci consola.