domenica 19 settembre 2010

Il Papa dovrebbe affrontare oggi il nodo della Costituzione Anglicanorum Coetibus, nell'incontro con i vescovi britannici (Tornielli)


Vedi anche:

La straordinaria seconda giornata del Papa a Londra nel commento di Andrea Tornielli

Il Papa in Inghilterra non porta avanti grandi discorsi ma grandi progetti (Fontana)

Il Papa sta lasciando Londra diretto a Birmingham: grande la commozione fuori dalla Nunziatura

Fuori programma l'incontro del Papa con chi protegge l'infanzia (Gagliarducci)

La commozione del Papa davanti alle vittime (Daily Mail)

Il terzo giorno del Papa nel Regno Unito: Dare spazio al silenzio (Sir)

La seconda giornata del Papa a Londra nel commento di Vecchi

Si commuove, Benedetto XVI, mentre ascolta le storie delle vittime dei preti pedofili (Gasparroni)

Come volevasi dimostrare: Gb, liberi i presunti attentatori

Non era un attentato, alla fine...(Tosatti)

La Messa del Papa a Westminster è stata un modello di liturgia a tutti gli effetti. Da notare come è cambiata la Cattedrale rispetto all'82 (Thompson)

Telegraph: il Papa mostra grande coraggio morale

La storica e straordinaria giornata di oggi nel bellissimo ed esaustivo commento di Salvatore Izzo

Il Papa incontra cinque vittime di abusi: servizio di Rome Reports

Ansa: 100mila fedeli in Hyde Park per il Papa

Il Papa e l'abbraccio alle vittime degli orchi: l'incontro di Londra dopo quelli di Washington, Sydney, Roma e Malta

Il Papa presenta il card. Newman ai centomila di Hyde Park (Ats)

Padre Lombardi: le vittime hanno potuto parlare liberamente (Izzo)

Il Papa: oggi il prezzo da pagare per la fedeltà al Vangelo spesso implica l'essere additati come irrilevanti, ridicolizzati o parodiati

Il Papa ad Hyde Park: "Nella nostra epoca, il prezzo da pagare per la fedeltà al Vangelo non è tanto quello di essere impiccati, affogati e squartati, ma spesso implica l’essere additati come irrilevanti, ridicolizzati o fatti segno di parodia. E tuttavia la Chiesa non si può esimere dal dovere di proclamare Cristo e il suo Vangelo quale verità salvifica, la sorgente della nostra felicità ultima come individui, e quale fondamento di una società giusta e umana" (Monumentale discorso)

"Se segui Newman c’è “un prezzo da pagare” (Rodari)

Il Papa in GB tra “realtà” mediatica e storia (Tornielli)

Il Papa in lacrime con le vittime dei preti pedofili (Galeazzi)

INCONTRO DEL SANTO PADRE CON CINQUE VITTIME DI ABUSI: COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Il Papa: Siamo tutti diventati molto più consapevoli della necessità di proteggere i ragazzi (Apcom)

Due ali di folla accompagnano il Papa ad Hyde Park :-)

Il Papa: "E' deplorevole che, in così marcato contrasto con la lunga tradizione della Chiesa di cura per i ragazzi, questi abbiano sofferto abusi e maltrattamenti ad opera di alcuni preti e religiosi. Siamo tutti diventati molto più consapevoli della necessità di proteggere i ragazzi..." (Discorso)

Davvero senza precedenti si sta rivelando la visita di Benedetto XVI nel Regno Unito. Riflessione sui mass media (Vian)

Commovente incontro del Papa con alcune vittime di abusi compiuti da membri del clero (Radio Vaticana)

INCONTRO DEL SANTO PADRE CON ALCUNE VITTIME DI ABUSI SESSUALI A LONDRA: LO SPECIALE DEL BLOG

Simon Heffer si dice "choccato" per l'aggressività dei suoi amici atei contro il Papa. Considerazioni interessanti ma non dia lezioni a noi Italiani!

Padre Lombardi: un viaggio oltre le aspettative (R.V.)

Il Papa e i pregiudizi (Fabio Cavalera)

Santa Messa nella Cattedrale Cattolica: video di Rome Reports

Il Papa ricorda i Cattolici inglesi uccisi da Enrico VIII e dai suoi successori (Izzo)

Un Magistero offerto a tutti: i discorsi del Papa a Londra nel commento di Carlo Cardia

Il senso e la profondità delle parole del Santo Padre sugli abusi (già inserite nella Lettera agli Irlandesi) nel bel commento di Salvatore Izzo

Il Papa ai giovani: scegliete di amare ogni giorno (Asca)

La cattedrale di Westminster insufficiente per tutti i fedeli. Il Papa nell'omelia: profondo dolore per le vittime degli abusi (Izzo)

Il Papa: "Qui penso anche alle immense sofferenze causate dall’abuso dei bambini, specialmente nella Chiesa e da parte dei suoi ministri. Esprimo soprattutto il mio profondo dolore alle vittime innocenti di questi inqualificabili crimini, insieme con la speranza che il potere della grazia di Cristo, il suo sacrificio di riconciliazione, porterà profonda guarigione e pace alle loro vite. Riconosco anche, con voi, la vergogna e l’umiliazione che tutti abbiamo sofferto a causa di questi peccati" (Omelia)

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE NEL REGNO UNITO

IL PAPA NEL REGNO UNITO: I SERVIZI, I VIDEO, LE FOTO ED I PODCAST

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE NEL REGNO UNITO (16 - 19 SETTEMBRE 2010): LO SPECIALE DEL BLOG (Articoli, notizie, interviste)
_________________________________

La Chiesa di Roma vuole aprire le porte ai fratelli anglicani

di Redazione

Ci sono due parole che fino al pomeriggio di oggi non sono ancora risuonate nella visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna. Due parole latine, che formano il nome di un documento pubblicato nel novembre 2009: Anglicanorum coetibus, la costituzione apostolica che sancisce la possibilità di istituire degli speciali ordinariati per le comunità anglicane intenzionate a rientrare nella Chiesa cattolica. Un processo di avvicinamento in corso specialmente dopo le scelte liberal della comunione anglicana, ad esempio l’ordinazione delle donne prete e ora delle donne vescovo.
Venerdì non se n’è parlato durante lo storico incontro tra il Papa, l’arcivescovo di Canterbury Rowan Williams e i vescovi anglicani nella sede della Lambeth Conference, anche perché Benedetto XVI, nel suo discorso, ha detto di non voler parlare delle difficoltà che esistono nelle relazioni cattolico-anglicane, e tutto l’incontro è stato, invece, improntato da un clima di evidente cordialità. Sia il Papa che il primate anglicano hanno insistito sull’importanza del ruolo pubblico della religione, trovandosi dunque pienamente alleati nel ribadire la necessità dei valori etici quali fondamenti della democrazia, e hanno parlato della reciproca collaborazione tra le due Chiese.
Ratzinger, nel suo discorso di venerdì pomeriggio alla Lambeth Conference, ha però insistito sul fatto che il cammino ecumenico non può mai avvenire «a scapito della verità cristiana». Una parola importante su questa linea è attesa per oggi.
Secondo le indiscrezioni raccolte dal Giornale, Benedetto XVI dovrebbe affrontare questo pomeriggio il tema delle relazioni con gli anglicani in rapporto alla nuova costituzione apostolica, durante l’incontro con i vescovi cattolici britannici previsto a Birmingham, ultima tappa del viaggio prima del rientro a Roma.
Il Papa in un passaggio del suo discorso, presenterà Anglicanorum coetibus come un «gesto profetico», un documento che può contribuire in modo positivo allo sviluppo del rapporto tra cattolici e anglicani. E spiegherà anche qual è il fine ultimo di qualsiasi attività ecumenica, il ristabilimento della piena comunione ecclesiale, obiettivo che non si può raggiungere fermandosi al minimo comune denominatore, a scapito della verità. La costituzione apostolica, nell’idea di Papa Benedetto, rappresenta quindi un modello per l’ecumenismo: la Chiesa di Roma apre le proprie porte e valorizzando tutto ciò che può essere valorizzato nelle diverse tradizioni.
Fino a questo momento, non si sono ancora verificati significativi passaggi di vescovi e comunità anglicane nella Chiesa cattolica con l’istituzione dei nuovi ordinariati.
Nel marzo scorso, ad Orlando, in Florida, la Chiesa anglicana d’America, appartenente alla Tac (Tradidional Anglican Church, la comunità più tradizionalista) ha votato a favore del rientro nella comunione con Roma e nei prossimi mesi il processo potrebbe avere inizio. Nel discorso al Lambeth Palace, davanti ai vescovi anglicani, venerdì Benedetto XVI ha indicato nella figura del cardinale John Henry Newman un esempio e un modello: convertitosi al cattolicesimo «fu mosso dal seguire la propria coscienza, anche con un pesante costo personale», ma continuò a coltivare l’amicizia con i suoi «precedenti colleghi», sondando «le questioni sulle quali divergevano, mosso da una ricerca profonda dell’unità nella fede».

© Copyright Il Giornale, 19 settembre 2010 consultabile online anche qui.

3 commenti:

fr. A.R. ha detto...

In effetti sarebbe ora di ascoltare tua parola chiara e autorevole su Anglicanorum coetibus e sul caso serio dell'ecumenismo, cioè il ristabilimento della piena comunione con la Chiesa Cattolica. A quanto ne so, sono proprio i vescovi britannici i più scettici e sospettosi riguardo la generosa via di ritorno aperta da Benedetto XVI per i tradizionalisti anglicani.

Anonimo ha detto...

Mi sbaglio o sull'altare non hanno posto la croce, altrimenti sempre presente durante le messe celebrate dal Santo Padre?
Jacu

Anonimo ha detto...

Ci sta ma è un pò piccola.

Antonio