giovedì 22 aprile 2010

Ratzinger il provocatore: il commento di Angela Ambrogetti. Da incorniciare :-)


Vedi anche:

Fr. Chadwick (TAC): "Abbiamo un Papa romantico? Il ripristino del connubio tra fede e ragione è molto più radicale e progressista della richiesta di Kung di un dialogo più liberale"

Il card. Castrillon Hoyos non celebrerà Messa a Washington

Il Papa: «A Malta ho sofferto assieme alle vittime» (Tornielli)

Giornali ed agenzie fanno informazione o fungono da megafoni degli avvocati americani? Per l'ennesima volta: la CDF è competente dal 2001!

I consueti eppure straordinari mercoledì di udienza a San Pietro (Scelzo)

I primi cinque anni di un pontificato benedetto: il bellissimo commento di Gianteo Bordero

I cinque anni di Benedetto XVI nel commento di Carl Anderson

Adrian Pabst: Così Benedetto difende la Chiesa da quei cattivi maestri che la odiano (Sussidiario)

Card. Tucci: il Papa è una persona integerrima e un uomo che matura le proprie decisioni pensando, scrivendo, ma soprattutto meditando e pregando

Il vescovo di Augusta, Walter Mixa, offre le sue dimissioni al Papa

Inutile strillare, il Papa non diventerà un poliziotto (Bruno Mastroianni). Da incorniciare

Le Costituzioni Quo Primum di san Pio V e Missale Romanum di Paolo VI. Rubrica di teologia liturgica a cura di don Mauro Gagliardi

Il Papa: a Malta con commozione ho condiviso la sofferenza delle vittime di abusi (Izzo)

Javier Echevarría: Grati a Benedetto, ci fa conoscere il «Dio vicino»

Attacchi al Papa, il «costoso» servizio alla verità di chi non cerca il consenso (Lodovici)

Mons. Gerhard Gruber (ex vicario di Monaco): non sono mie le affermazioni attribuitemi da Spiegel Magazine (Agi)

Lettera aperta di George Weigel a Hans Küng (da assaporare)

Il Papa benedice la statua della Vergine che a Nagasaki resistette alla bomba atomica (Izzo)

La congiura del silenzio: il commento di Filippo Di Giacomo

Il Papa ci insegna un nuovo modo di vedere: il commento di Robert P. Imbelli (Osservatore Romano)

Il Papa ricorda il suo incontro con le vittime di abusi a Malta: video Repubblica.it

Immigrati, il Papa: le nazioni cristiane hanno il dovere di accoglienza. Il no ad aborto e divorzio è per Malta una scelta coraggiosa (Izzo)

Abusi, il Papa: a Malta ho condiviso con le vittime la sofferenza. E sull’immigrazione, “soluzioni da concertare a livello internazionale” (Velino)

In una lettera la gratitudine e l'affetto degli universitari di Roma a Benedetto XVI nel quinto anniversario dell'elezione (Radio Vaticana)

Il Papa: Ho condiviso la loro sofferenza e con commozione ho pregato con le vittime degli abusi commessi da sacerdoti

Il disegno d'amore di Dio è più grande di tempeste e naufragi: così il Papa all'udienza generale dedicata al viaggio a Malta. Appello sull'immigrazione

Il Papa ricorda l'incontro a Malta con le vittime di preti pedofili: servizio di Stefano Maria Paci

All'udienza 400 sacerdoti romani per testimoniare solidarietà al Papa accolto anche da mille ragazzi del Nazareth. La gratitudine di Benedetto XVI ai sacerdoti di tutto il mondo (Izzo)

Col Papa e le vittime degli abusi. Le diocesi in preghiera per il Pontefice e chi ha subito violenza (Liut)

Intanto Gruber smentisce la smentita: "nessuno mi ha mandato un fax e l'arcivescovo Ratzinger non si occupava dei trasferimenti"

Presentato presso la Lumsa il nuovo libro di Don Enrico dal Covolo (video)

Il Papa: "La gente maltese sa trovare nella visione cristiana della vita le risposte alle nuove sfide". "Ricercare soluzioni per l'immigrazione"

Il Papa: “Non avere paura delle tempeste della vita, e nemmeno dei naufragi" (Sir)

Il Papa: il disegno di Dio “è più grande dellle tempeste e anche dei naufragi” (AsiaNews)

Il Papa dopo incontro con le vittime: "Ho condiviso la loro sofferenza"

Il Papa: "Ho guardato ai giovani di Malta come a dei potenziali eredi dell’avventura spirituale di san Paolo, chiamati come lui a scoprire la bellezza dell’amore di Dio donatoci in Gesù Cristo; ad abbracciare il mistero della sua Croce; ad essere vincitori proprio nelle prove e nelle tribolazioni, a non avere paura delle “tempeste” della vita, e nemmeno dei naufragi, perché il disegno d’amore di Dio è più grande anche delle tempeste e dei naufragi" (Catechesi)

1200 universitari di Roma firmano una lettera di solidarietà al Papa (Izzo)

Il Papa è stato instancabile nella “analisi e correzione degli abusi”. Il Vescovo di Porto celebra il Te Deum nel 5° anniversario del pontificato

I consigli di Santa Caterina al Papa (Pigi Colognesi)

Le sfide di Ratzinger in 5 anni: Sacerdote in viaggio contro il nichilismo (Vecchi)

Inchiesta sui Legionari di Cristo. Si va verso il commissariamento. Dagli Usa accuse a Sodano e Dziwsz (Ansaldo)

Il segretario del Papa: uomini e donne di ogni tipo cercano il contatto con il Santo Padre (Izzo)

"Coprì alcuni preti" cacciato il vescovo di Miami. Linea dura di Papa Ratzinger, si "dimette" Favalora (Ansaldo)

Ecco i sette cardinali che remano contro la glasnost di Papa Ratzinger (Peloso)

L'esperto psichiatra statunitense Richard Fitzgibbons, specialista nel trattamento dei preti pedofili, ha difeso le affermazioni del card. Bertone (Tosatti)

Il primato di Dio nel realismo di Benedetto XVI. Il Card. Scola a cinque anni dall’elezione al Pontificato (Zenit)

Via il vescovo di Miami, severo con i Legionari ma coprì alcuni abusi (Izzo)

Benedetto XVI, contrariamente ai suoi predecessori, ha accettato di rompere il silenzio sui casi di pedofilia nella Chiesa (Le Monde)

Cinque anni da Papa: l'abbraccio corale dell'Italia (Cardinale)

Riceviamo e con grande piacere e gratitudine pubblichiamo:

Ratzinger il provocatore

postato da angelambrogetti
[22/04/2010 08:26]

Quello che è certo che il pontificato di Benedetto XVI non è di transizione. O meglio è esattamente la transizione tra la realtà di una Chiesa di folle e masse non sempre abbastanza formate e una Chiesa di minoranza ma preparata e convinta. Insomma quel "Sale della terra" di cui parlava il cardinale Ratzinger nel libro intervista del 1996 scritto con Peter Seewald.
Un papa "scomodo" come, del resto, nei primi anni fu lo stesso Giovanni Paolo II, accusato di essere troppo "polacco", amante delle manifestazioni di pietà popolare che a molti sul finire degli anni 70, sembravano tanto fuori moda. Poi la storia, i fatti, le parole e i gesti hanno portato i media, anche i più critici, a vedere in Karol Wojtyla il papa giusto e quasi provvidenziale per un certo periodo storico. Il crollo del comunismo, lo sviluppo dei viaggi, il rapporto con i media, i grandi raduni, la riforma della Curia e dei codici, il magistero dei diritto dell'uomo fino alla accettazione della sofferenza hanno fatto di Giovanni Paolo II "santo subito" a prescindere dai tempi canonici.
Per Joseph Ratzinger è stato difficile raccogliere questa eredità. Ma lui ha subito messo in chiaro di essere "altro". Non certo per prendere le distanze, ma per chiarire che ogni papa, ogni uomo è diverso dall' altro. Del resto, lo sappiamo, Giovanni Paolo II lo ha definito un "amico fidato" e molta della dottrina teologica del suo pontificato è nata dalla collaborazione con il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede che Wojtyla non ha mai voluto lasciare.
Benedetto XVI è un uomo mite, sereno, fermo e abituato ad essere impopolare. Anzi, per alcuni Ratzinger in fondo è un provocatore. Il suo è un animo di professore che ama il confronto e il dibattito, quando è intellettualmente onesto. E qui, forse, nasce e si sviluppa il contrasto con i media contemporanei, sempre troppo a caccia di scandali e scoop, alla ricerca di dietrologie che non esistono e di retroscena per lo più immaginari.
Wojtyla aveva scelto, secondo il suo carattere e la sua esperienza di vescovo in un paese comunista, la strada dello scontro in campo aperto, Ratzinger, da intellettuale, da professore, sembra preferire la strada del confronto schivo, ma fermo. Un agire più rischioso, perché si presta a critiche più malevole. Lo abbiamo visto in tanti cosi detti "incidenti". Da Ratisbona al problema dei lefevriani, ai temi etici. Aver agitato le acque è servito soprattutto a "setacciare" i cristiani e i papalini di comodo da quelli che negli ultimi 30 anni avevano davvero ascoltato le parole e i discorsi di Giovanni Paolo II. La perfetta consequenzialità di due pontefici, uno polacco e uno tedesco, nel mare di questo tempo frammentato e difficile, rende semplice il messaggio di entrambi.
In cinque anni Benedetto XVI ha continuato con ferma semplicità l' attuazione e la comprensione del Concilio Vaticano II. Ha scritto tre encicliche che mettono al centro del magistero la gioia di essere amati da Cristo e di amarlo, ha ricordato , come dice il suo segretario particolare Georg Gaenswein nel libro "Benedetto XVI Urbi et Orbi", che " la fede non è un problema da risolvere, è un dono che va scoperto nuovamente."

http://www.angelambrogetti.org/

3 commenti:

Anonimo ha detto...

"O meglio è esattamente la transizione tra la realtà di una Chiesa di folle e masse non sempre abbastanza formate e una Chiesa di minoranza ma preparata e convinta."

Dissento.
B16 sta' facendo un enorme lavoro di ri-chiarificazione di cosa vuol dire "esperienza di fede" proprio per formare cristianamente quelle "folle e masse" di cui sopra.
Di questo hanno paura i laicisti: non di una "minoranza" preparata, ma di un grosso blocco convinto.

Manuela ha detto...

Articolo equilibrato ma si trascura che è in atto una vera e propria guerra culturale: BXVI è "solo" contro la cultura anglosassone, gli anticlericali, gli "atei" (per me l'ateismo è cosa seria, qui invece vedo solo fanatici), laici + o meno confusi e in balia del gossip, imperialismo russo e cinese. A me non sembra poco. Il crollo del comunismo ha lasciato una voragine enorme, subito riempita con una cultura fondata sulla morte dell'uomo e totalmente assoggettata al puro guadagno. BXVI lo sa bene.

Sirgolly ha detto...

Concordo con l'Anonimo.

Questo Papa fa in modo "esplicito e diretto" il catechista. Sta insegnando che è B E L L O essere cattolici, messaggio di cui i laicisti hanno una paura folle.