martedì 28 settembre 2010

Pedofilia, il Generale dei Cappuccini: riflettere sul fatto che chi viene dimesso dallo stato clericale poi non è più protetto dalle sue pulsioni (Izzo)

Vedi anche:

Fr. Mauro Joehri: i primi quattro anni da Ministro generale dei Cappuccini (Rusconi)

Viaggio del Papa nel Regno Unito: lo speciale de "Il Consulente Re"

Un Papa mite e fermo, fedele alla tradizione e aperto al rinnovamento: 32 anni fa si spegneva Giovanni Paolo I (Radio Vaticana)

Prolusione del card. Bagnasco: il commento di Giacomo Galeazzi

Il Papa nel 2011 nella Repubblica Dominicana? (Rome Reports)

Dopo il vescovo pedofilo, il vescovo latitante. Roger Vanghelhuwe si è dato alla macchia (Messainlatino)

Una fase nuova per i Cattolici Italiani (Messa)

Lord Patten: “La visita del Papa in Gran Bretagna, un grande successo” (Zenit)

Ostellino: così la Chiesa sa essere riferimento proprio per tutti (Roberto I. Zanini)

I vescovi sono «angustiati» per il clima politico italiano (Tornielli)

Bernard-Henri Lévy: Il Cattolicesimo è la religione più attaccata in Francia, molto più dell'islam (Abc.es)

Non negoziabile. Festivi compresi. Il Papa ripropone il tema cruciale del rapporto tra famiglia, lavoro e festa (Giorgio Bernardelli)

Zapatero vedrà il Papa (Luciani)

La prolusione del card. Bagnasco nel commento di Errico Novi (Liberal)

Il saluto del Papa al Presidente dello Ior (Vecchi)

Card. Bagnasco: le discordie bloccano l'Italia, servono più etica e solidarietà (Izzo)

Il Papa: "dopo la morte, sarà troppo tardi per ravvedersi". Un anticipo di ciò che dirà contro la Mafia a Palermo? (Matteo Orlando)

Prolusione del card. Bagnasco: nota Sir

Mons. Georg Gaenswein: "Dio non ama la ripetizione e le fotocopie. L'acqua e' dovunque diversa perchè 'acqua assume ogni volta delle caratteristiche singolari in rapporto al terreno che la filtra. Così accade per i Papi"

Ricardo Blazquez sarà il Visitatore Apostolico del Regnum Christi (Rome Reports)

Card. Bagnasco: sulla pedofilia seguire il Papa (Apcom)

Consiglio Episcopale Permanente della Cei: prolusione del card. Bagnasco

Giro d'Italia senza uscire dal Vaticano. Come prepararsi al 150° dell'unità passeggiando per la Galleria delle Carte Geografiche (Antonio Paolucci)

Scaraffia: Caro Melloni, perché tanti silenzi? (Riformista). Addirittura Joseph Ratzinger non figura fra i teologi!

L'incontro del Papa con il Presidente dello Ior (Tornielli)

Il Papa incontrerà Zapatero a Barcellona, il 7 novembre (Ansa)

Dal Papa un “grazie” a tutti coloro che hanno contribuito a fare del riposo estivo un “soggiorno sereno e proficuo”

Frutta e frutteti. Il gesuita Mark Massa, professore decano del Boston College’s School of Theology and Ministry, attacca l'ermeneutica della continuità e conclude sostenendo che l'amore del Papa per la Messa in latino deriva dal fatto che "He's Austrian"

Viaggio del Papa nel Regno Unito: intervista a Jack Valero, leader di Catholic Voices (Zenit)

Sfida educativa: ritrovare la persona. La via indicata da Benedetto XVI (Marco Doldi)

Il Papa: Fin dall’inizio del mio pontificato, ho inteso vivere il mio ministero di successore di Pietro con i sentimenti del pellegrino che percorre le vie del mondo con speranza e semplicità

Il Papa si congeda da Castel Gandolfo, "amena cittadina, a me tanto cara, dove la Provvidenza mi concede ogni anno di trascorrere un soggiorno sereno e proficuo" (Discorso)

Il Papa al Congresso dei Pellegrinaggi e Santuari: il mio Pontificato è un pellegrinaggio per portare Dio nel mondo con speranza e semplicità (Radio Vaticana)

Il Papa: vigilare sui Santuari, vi si entra con rispetto e decoro (Izzo)

Il mandato a Gotti Tedeschi di bonificare la banca d’Oltretevere è «più che mai valido» (Galeazzi)

Il Papa: "In questo momento storico, in cui, con forza se possibile ancor maggiore, siamo chiamati ad evangelizzare il nostro mondo, va messa in debito risalto la ricchezza che scaturisce dal pellegrinaggio ai santuari" (Messaggio)

Abc: Mary MacKillop, la prima australiana ad essere proclamata Santa, fu scomunicata per avere denunciato un prete pedofilo (Asca)

L'altra curia di Benedetto XVI. Le nomine, i risultati. Musei, biblioteca, cultura, arte, musica, media (Magister)

Il ricordo del Papa di san Vincenzo de' Paoli e Chiara Badano all'Angelus (Sir)
____________________________________________

PEDOFILIA: GENERALE CAPPUCCINI, LAICIZZAZIONE PUO' ESSERE PEGGIO

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 27 set.

"Condivido pienamente e ammiro Papa Benedetto XVI per la chiarezza e l'insistenza con cui torna sull'argomento", ma occorre, afferma fra Mauro Joehri, ministro generale dei cappuccini, "valutare responsabilmente come procedere nei casi di abusi".
"Ci troviamo - spiega il religioso in un'intervista al Consulente, mensile cattolico promosso dal Gruppo Re - a dover dimettere delle persone che si sono macchiate di questo reato grave: certo le dimissioni sono una punizione.
C'e' pero' da aggiungere - sottolinea padre Joehri - che chi viene dimesso poi non e' piu' protetto dalle sue pulsioni che potrebbero concretizzarsi ai danni di qualcun altro: e qui si deve ancora riflettere".
Nell'intervista il superiore dei cappuccini sottolinea che "la grave crisi attorno agli abusi sessuali ha toccato anche i cappuccini: non saranno numerosissimi, ma, fosse anche uno solo, sarebbe gia' troppo. Il riverbero che cio' ha avuto nella stampa, nell'opinione pubblica, la conseguente enorme perdita di credibilita' da parte dell'istituzione intera compresi gli ordini religiosi (in particolare per i collegi che avevano), tutto questo ha intaccato e intacca pesantemente l'immagine della vita religiosa nella societa' attuale".
"Stiamo pagando - conclude - uno scotto molto alto e dobbiamo avere il coraggio di ammettere con grande onesta' che sono stati fatti molti sbagli, si e' data scarsa attenzione al fenomeno, si e' pensato piu' a salvare l’istituzione che le vittime, anche se cio' e' avvenuto perlopiu' in tempi in cui la sensibilità e la conoscenza dei danni provocati dagli abusi non era la stessa di oggi".

© Copyright (AGI)

3 commenti:

fr. A.R. ha detto...

Padre Iori ha messo il dito su un problema serio. Forse non si sa, ma fino ad un paio di secoli fa esistevano le celle di reclusione per punire i religiosi (non i preti secolari) che avessero commesso qualcosa di grave o che volessero scappare dal convento.
Invece di rilasciarli nel mondo, perchè non pensare a qualcosa di simile: deporli dallo stato sacerdotale, ma al contempo affidarli al proprio Ordine nella modalità oggi prevista degli arresti domiciliari, senza possibilità di uscire dalla clausura o vedere nessuno. Non è del tutto impossibile e darebbe l'opportunità agli ordini religiosi di proteggere la società e al singolo di far penitenza e scontare le sue colpe.

Anonimo ha detto...

Ti segnalo questo articolo di Politi sulla prolusione di Bagnasco
http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201009/100928politi.pdf
Tralasciando da parte puramente politica, concordo con Politi sull'atteggiamento, all'apparenza inerte, della Chiesa italiana sulla questione pedofilia.
Alessia

Anonimo ha detto...

Ma il capuccino sa che esiste il reato di sequestro di persona? Normalmente i pedofili si fanno preti per stare a contatto coi bambini, per cui la riduzione allo stato laicale dovrebbe essere già una bella deterrenza, se fosse stata applicata più spesso. Ed è ammirevole come nessuno rimproveri a Bagnasco d'impicciarsi degli affari nostri. Eufemia