giovedì 18 febbraio 2010

Il Papa: anche dal paganesimo procede la strada verso Cristo (Asca)


Vedi anche:

Benedetto XVI incontra il clero di Roma: il servizio (audio) di Radio Vaticana

Benedetto XVI incontra il clero di Roma: sacerdoti obbedienti a Dio e compassionevoli con l'umanità portano luce nel mondo (Radio Vaticana)

Il Papa: L’obbedienza a Dio è conformità alla verità del nostro essere e dunque è vera libertà (Sir)

INCONTRO CON I PARROCI: SERVIZIO DI THE VATICAN

Il Papa: Noi sacerdoti non possiamo isolarci, siamo presenti nella passione di questo mondo per trasformarlo verso Dio

Il Papa: il vero uomo, e quindi il sacerdote, partecipa alle sofferenze degli essere umani, è uomo di compassione (Bandini)

Il Papa: Rubare o mentire non può essere giustificato come una debolezza umana (Ansa)

Il Papa: «Essere umani è invece essere generosi, essere a immagine di Dio. Il peccato non è mai solidarietà»

Benedetto XVI ai parroci: Sbagliato dire che rubare o mentire è umano (Apcom e Asca)

Il Papa contro la pedofilia e i vescovi irlandesi. In Vaticano la Curia di Dublino dice: «Collaboreremo» (Liberal)

Domenica 14 marzo il Papa visiterà la chiesa evangelica di Roma (Sir)

In corso l'incontro del Papa con i parroci ed i sacerdoti di Roma. Purtroppo non è stata prevista la diretta televisiva

Gb, la Bbc vuole il Papa a “Thought for the day” (Bandini e Tosatti)

Secondo la stampa britannica forse il Papa parlerà alla BBC (Sir)

Il Papa non andrà in Valle d'Aosta per le vacanze estive, declinato l'invito per quest'anno (Vignolini)

Non si governa la Chiesa come si fa con le cose umane (Bruno Mastroianni). Da leggere e meditare!

La pedofilia non è un affare interno alla Chiesa. La "rivoluzione" di Papa Benedetto osteggiata da una parte della curia (Francesco Peloso)

Preti pedofili, il Papa: la pedofilia non è solo «un odioso crimine» ma anche «un grave peccato che offende Dio» (Marroni)

Inizia in Australia l'esodo degli Anglicani. Intanto il vescovo anglicano Paul Richardson si è convertito al Cattolicesimo (Damian Thompson)

ANGLICANI: FORWARD IN FAITH AUSTRALIA PASSA ALLA CHIESA CATTOLICA

Pedofilia, il Papa e le tre decisioni con le quali ha voltato pagina (Alberto Melloni)

Il Messaggio del Papa per la Quaresima: «L'ingiustizia non ha radici solo esterne: il germe del male sta dentro il cuore dell'uomo» (Accornero)

Il Papa: "Pedofilia, crimine odioso, un peccato che offende Dio" (Galeazzi)

I vescovi irlandesi: «Ora basta, deferiremo i colpevoli» (Mazza)

Il Papa: "Il segno penitenziale delle Ceneri...è essenzialmente un gesto di umiltà, che significa: mi riconosco per quello che sono, una creatura fragile, fatta di terra e destinata alla terra, ma anche fatta ad immagine di Dio e destinata a Lui. Polvere, sì, ma amata, plasmata dal suo amore, animata dal suo soffio vitale, capace di riconoscere la sua voce e di rispondergli; libera e, per questo, capace anche di disobbedirgli, cedendo alla tentazione dell’orgoglio e dell’autosufficienza" (Omelia)

Il Vaticano smentisce la notizia della visita del Papa a Barcellona

Il Papa: Dio è Onnipontente, per questo perdona i nostri peccati (Izzo)

Il Papa: Perdonare qualcuno equivale a dirgli: non voglio che tu muoia, ma che tu viva; voglio sempre e soltanto il tuo bene (Sir)

Il magistero di Benedetto XVI sugli abusi sessuali di sacerdoti (Mercedes de la Torre)

IL PAPA ALL'AVENTINO: SERVIZIO DI ROME REPORTS

Il Papa: siamo polvere sì, ma amata e libera (Asca)

Il Papa: un mondo più giusto è possibile malgrado le delusioni. Benedetto XVI sull'Aventino per il rito delle Ceneri (Izzo)

Dal Papa una severa lezione: La fede giudicata col cuore dei più piccoli (Pierangelo Sequeri)

Abusi su minori: conferenza stampa dei vescovi irlandesi (Radio Vaticana)

La Messa delle Ceneri presieduta nel pomeriggio dal Papa nella Basilica di Santa Sabina: intervista con il rettore, padre Francesco Ricci

Il Papa visiterà Barcellona entro l'anno?

Il Papa: il rito dell'imposizione delle ceneri ci dice di non avere paura della morte (Izzo)

Il Papa: Convertirsi significa cambiare direzione nel cammino della vita (Apcom ed Asca)

PAPA: STRADA VERSO CRISTO PROCEDE ANCHE DA PAGANESIMO

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 18 feb

''Anche dal paganesimo procede la strada verso Cristo'': lo ha detto questa mattina papa Benedetto XVI, nella Lectio divina tenuta al clero di Roma su alcuni passi della Lettera agli Ebrei.
In particolare il pontefice si e' soffermato sulla figura di Melchisedek, re di Salem che si racconta accolse Abramo, padre delle tre religioni monoteistiche, offrendogli pane e vino, definito dal papa ''uno dei santi pagani antichi''. Nella sua lezione, il pontefice ha anche criticato una nota affermazione dell'importante teologo luterano tedesco, suo coetaneo, Juergen Moltmann, per il quale andrebbe aggiunto un ''non'' al passaggio della Lettera agli Ebrei in cui si afferma che Gesu' venne ''esaudito'' quando chiese al Padre di risparmiargli la Passione e la morte in croce.
Per il teologo protestante, il fatto che Gesu' sia morto in croce e' la prova che 'non e' stato esaudito'. ''E' chiaro - ha invece osservato Ratzinger - che in quel senso Gesu' non e' stato esaudito: e' morto e in modo molto crudele. Per questo Moltmann e alcuni esegeti dicono che manca un non, ma questa loro aggiunta e' una violenza al testo''.
Per il pontefice, infatti, ''Cristo e' stato redento dalla sua angoscia (un Angelo lo ha rafforzato) e cosi' e' andato incontro senza timori alla sua ora; non e' stato redento dalla morte ma la sua Risurrezione e' la vera guarigione delle nostre sofferenze e illumina il mistero della morte; non ha chiesto di essere risparmiato e basta, ma ha detto, come riporta il IV Vangelo, 'salvami da questa ora o glorifica il tuo nome', ovvero, come scrivono i Vangeli sinottici, 'se possibile salvami ma sia fatta la Tua volonta''''.

Asca

4 commenti:

mic ha detto...

Qualcuno mi può confermare queste parole del Papa, riportate da un'agenzia Asca di oggi?

Per il pontefice, infatti, "Cristo è stato redento dalla sua angoscia (un Angelo lo ha rafforzato) e così è andato incontro senza timori alla sua ora; non è stato redento dalla morte ma la sua Risurrezione è la vera guarigione delle nostre sofferenze e illumina il mistero della morte; non ha chiesto di essere risparmiato e basta, ma ha detto, come riporta il IV Vangelo, 'salvami da questa ora o glorifica il tuo nome', ovvero, come scrivono i Vangeli sinottici, 'se possibile salvami ma sia fatta la Tua volontà".

E' proprio il Papa che pronuncia la prima parte di questa frase?

1. da che cosa Cristo aveva bisogno di essere redento?

2. se anche un angelo lo ha rafforzato, non è "andato incontro senza timori alla sua ora", ma si è scolato la sofferenza estrema, compreso l'"abbandono" (salmo 22 che è anche di fiducia, ma passando per l'abbandono più estremo!)

3. che significa "non è stato redento dalla morte"? A parte che non doveve essere redento da nulla, tuttavia è proprio per la sua morte: "Sacrificio di espiazione per i nostri peccati" che siamo stati redenti e la sua Resurrezione non è solo la "guarigione" delle nostre sofferenze, ma la conseguenza della liberazione dal peccato che ne è la causa ed inoltre l'introduzione nella Creazione nuova inaugurata dalla Sua obbedienza che contrasta un "non serviar" originario!

amici, aiutatemi a fare chiarezza e verifichiamo bene il discorso del Papa e se, come credo, lui non si è espresso così, contestiamo chi lo ha citato in questo modo...

Anonimo ha detto...

e se il papa si fosse proprio espresso così?

Franca ha detto...

Credo che il Papa abbia usato "redento" nel senso di "liberato": non è stato liberato "dalla morte" ma, attraverso la sua accettazione della morte umana cioè della volontà del Padre, è scaturita la Risurrezione che in Lui, "redime-libera" noi tutti.
Io capisco così. Non dimentichiamo che per Benedetto l'italiano resta una lingua straniera.

mic ha detto...

vedi cara Franca, non è la Risurrezione di Cristo che ci ha liberati, ma la Sua morte e morte di Croce "espiatrice". La Risurrezione viene dopo ed è una conseguenza meravigliosa che ci introduce nella "Creazione nuova", ma quel che salva è la Croce...

"...quia per sanctam Crucem tuam redemisti mundum..."

"... per passionem eius et crucem, ad Resurrectionis gloriam perducamur...."

non è che me lo sono inventato io, lo ha insegnato la Chiesa per 2000 anni e, comunque, non ci sarebbe Risurrezione senza la morte espiatrice; ma la praola 'espiazione' non va più di moda, forse? E' per caso uscita dal lessico (e quindi anche dalla spiritualità) cattolico?

Ovvio che non mi sogno di entrare in un 'devozionismo' (che non è 'devozione') masochisticamente centrato solo sulla croce; ma non dimentichiamo che la glorificazione del Padre comincia già al momento del "sia fatta la tua volontà", prima ancora della salita sulla Croce...