domenica 26 settembre 2010

La reciprocità nei rapporti tra cristiani e islamici: quando viene meno il principio di ragione (La Capria)

Vedi anche:

A Palermo e in Spagna: continua l'evangelizzazione dell'Europa del nuovo San Benedetto (XVI). Il commento di Matteo Orlando

L'arcivescovo di Denver, Chaput: Sulla religione i pregiudizi del giornalismo (Osservatore Romano)

Richiamo forte del Papa a recuperare il senso della pasqua settimanale (Orlando)

Il Papa riceve il presidente dello Ior: "Attestazione di stima e di fiducia" (Repubblica)

Il Papa ha ricevuto brevemente il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi. Giovedì il Papa rientrerà in Vaticano (Izzo)

L'arcivescovo di Rio de Janeiro, mons. Tempesta, dopo l'udienza in Vaticano : il Papa ci ha chiesto una Chiesa giovane (Radio Vaticana)

Il Papa: Dio ama i poveri e li solleva dall'umiliazione. Nel giorno del Giudizio sarà appianata ogni ingiustizia. Chiara Badano è esempio per i giovani di oggi (Izzo)

Il Papa all’Angelus: San Vincenzo de’ Paoli e Chiara “Luce” Badano, esempi di amore che porta alla felicità. Giovedì il rientro in Vaticano (Radio Vaticana)

Il Papa saluta Castel Gandolfo, giovedì prossimo ritorna a Roma

Il Papa: seguire in vita la via di Dio, dopo la morte, sarà troppo tardi per ravvedersi (AsiaNews)

Il Papa: Dio ama i poveri, dobbiamo vivere seguendo la sua strada (Apcom)

Il Papa: "Cari amici, solo l’Amore con la "A" maiuscola dona la vera felicità!" (Angelus)

La Messa del Papa «inaugurerà» le aree Expo di Milano (della Frattina)

Anche la Cnn s’arrende: dobbiamo essere faziosi (De Bellis)

Il trionfo del Papa schivo. Cinque anni di un successo di pubblico che ha stupito i critici. L'enigma di pochi gesti e molte parole (Rodari)

"La verità del Papa. Perché lo attaccano, perché va ascoltato" di Aldo Maria Valli: la recensione de "Il Tempo"

Un Pontificato sotto attacco o un Papa all'attacco del mondo? Ubaldo Casotto recensisce il libro di Tornielli e Rodari

Dallo Ior mano tesa alla procura di Roma (Galeazzi)

Il Papa delle sorprese. Stile e coraggio di un uomo che parla di Dio (Mons. Georg Gänswein)

Mons. Georg Gaenswein: in cinque anni il Papa ha saputo sorprendere tutti (Asca)

Non è un caso che Newman fosse inglese. Lo scenario culturale del Paese affascinato da Benedetto XVI (Alain Besançon)

La luce di Chiara, prima focolarina a essere beatificata (Carlo Di Cicco)

Il Papa ha toccato l'anima del Regno Unito (Ramu de Bellescize)

Il Papa: "La verità è che tutti noi abbiamo bisogno di Gesù, quale Scultore divino che rimuove gli strati di polvere e d'immondizia che si sono posati sull'immagine di Dio iscritta in noi. Abbiamo bisogno del perdono, che costituisce il fulcro di ogni vera riforma: rinnovando la persona nel suo intimo, diviene anche il centro del rinnovamento della comunità" (Discorso)

"Protect the Pope" fa il lavoro che spetterebbe al Vaticano e ribatte punto per punto ad una CNN che "riciccia" le accuse del NYT contro il Papa

Greg Erlandson: ma alla CNN non si vergognano? Anche Phil Lawler ribatte punto per punto all'emittente americana. Silenzio assordante dal Vaticano

Giù dal Torrione. Indagine indiscreta all’interno delle mura vaticane per capire che cosa succede allo Ior e al suo banchiere, giunto un anno fa per fare pulizia (Rodari)

Viaggio del Papa in Gran Bretagna: il commento entusiastico di Robert Mickens (The Tablet)

Il Papa: si è perso il senso del peccato perchè non si crede nel perdono (Izzo)

L'operazione trasparenza dello Ior. Gotti Tedeschi rinuncia agli scudi giudiziari del Vaticano: vedrà gli inquirenti. La trasparenza di Papa Benedetto (Gianluigi Nuzzi)

La Chiesa Cattolica e le Chiese Ortodosse stanno facendo progressi in vista di un "completo" riconoscimento reciproco (Asca)

Il Papa ai vescovi brasiliani: dal perdono nasce il vero rinnovamento della Chiesa e della società (Radio Vaticana)

Le vittime di abusi di preti pedofili si riuniscono a Verona e danno atto a Papa Benedetto di aver parlato in modo "chiaro e determinato"

Il Papa: "Cari bambini, voi andate a scuola, imparate naturalmente, ed ho pensato che sono 77 anni da quando io ho cominciato ad andare a scuola. Era in un piccolo paese di 300 anime, un po’ "dietro la luna", si direbbe; tuttavia, abbiamo imparato l’essenziale" (Discorso)

La straordinaria grazia di Benedetto XVI: durante il viaggio di ritorno dalla Gran Bretagna ha concesso una una conversazione personale a Richard Owen che va in pensione (The Australian)

Tettamanzi in pensione a marzo dopo due anni di prorogatio (Bevilacqua)
_________________________________________

Su segnalazione di Gemma leggiamo questo bellissimo commento:

La reciprocità nei rapporti tra cristiani e islamici

QUANDO VIENE MENO IL PRINCIPIO DI RAGIONE

L' impossibilità di esercitare una diplomazia efficace

Raffaele La Capria

Tutti i rapporti tra gli individui, i popoli e le nazioni sono basati su questo principio: Tu non puoi fare a me quello che io non posso fare a te. Quando fai a me quello che io non posso fare a te si rompe l' equilibrio necessario perché vi sia la pace. Questo equilibrio si rompe (e infinite volte nella storia si è rotto) con la guerra. È il vincitore che impone la sua legge al vinto e gli dice: Io posso fare a te quello che tu non puoi fare a me. Così il vincitore infrange il principio di reciprocità con la violenza e con la forza. Ma adesso cosa accade, cosa sta accadendo?
Che questa imposizione del vincitore è diventata una prerogativa (un presupposto) del mondo islamico, anche se non c' è nessuna guerra vinta. L' Islam parla come parla il vincitore e dice: io posso fare a te quello che tu non puoi fare a me, posso venire a Roma e dire quel che mi pare (Gheddafi), anche se offensivo per i tuoi sentimenti religiosi, ma tu non puoi nemmeno immaginare di venire alla Mecca e comportarti allo stesso modo. Io posso costruire una moschea in terra cristiana, ma tu non puoi costruire una chiesa in terra islamica.
Sono tante le cose in cui emerge e stride la mancanza di reciprocità, sono tante quelle assolutamente inconcepibili per noi nei loro confronti e lecite per loro nei nostri confronti. Da qui, da questo grado zero, parte il mio senso comune, che per sua natura semplifica senza voler tenere conto della complessità del problema e di tutte le ragioni storiche, religiose e perfino legali che rendono possibile la mancanza di reciprocità. Non ne vuol tener conto perché vuole la pace e non la guerra con quell' Islam moderato che pensa che proprio la reciprocità non rispettata renda difficile la pace. Pensa che qui, in questa mancanza di reciprocità sia il vero scontro di civiltà, perché in questa mancanza c' è la negazione dei diritti dell' altro e perfino della sua esistenza. C' è la negazione della «sacralità della vita, della dignità della persona e della libertà di scelta», diceva la Fallaci su questo giornale, che sono i cardini della civiltà occidentale. Come si fa ad esercitare la diplomazia, qualsiasi tentativo di risolvere le divergenze, in una situazione del genere? Come si può favorire ogni tentativo di portare la pace nel cruciale conflitto tra israeliani e palestinesi se non si accetta questo principio di reciprocità? Sì, vi sono anche altre ragioni di contrasto, ma possono essere discusse solo dopo aver superato l' impossibilità di accettare il principio di reciprocità. Impossibilità che tra noi e l' Islam è sempre esistita, perché storicamente politica e religione nell' Islam sono una cosa sola, e la religione perdonava soltanto chi si convertiva, gli altri erano gli infedeli, i diversi, da tenere a bada e nel migliore dei casi da tollerare. È anche vero però, come accadde in Sicilia e in Spagna, che la tolleranza potè trasformarsi in una forma di civiltà superiore e più raffinata della precedente, perché «la corrente della vita nella sua imprevedibilità è infinitamente più potente» scrive Cacciari sull' «Espresso», di ciò che appare (oggi) insuperabile.
Ma ritornando al discorso iniziale, è sempre nella mancanza di reciprocità la differenza più profonda e direi costitutiva delle nostre storie. Perché è qui che il logos, rimproverato ingiustamente a Benedetto XVI quando fece il suo famoso discorso, cioè il principio di ragione, vien meno. Quella ragione che abbiamo ereditato dai greci e che fa parte della nostra profonda identità. Tra fede cristiana e fede nell' Islam la differenza dunque è il principio di ragione, e questo appunto presuppone la reciprocità. Sono considerazioni elementari che resterebbero tali, se non fosse in atto da molti anni una silenziosa avanzata demografica degli islamici in Europa che fa pensare «prima o poi l' Islam conquisterà la maggioranza in Europa» (così ha dichiarato il padre missionario Piero Gheddo). Gli immigrati di fede islamica sono infatti sempre più in crescita, si calcola che entro il 2050 saranno circa il 25 per cento della popolazione, mentre la tendenza demografica degli europei è sempre in diminuzione. Questo significa, dice il senso comune, che nel 2050 avremo i vincitori in casa senza aver fatto con loro nessuna guerra. E allora per forza di cose e forza numerica essi potranno dire tranquillamente: Io posso fare a te quello che tu non puoi fare a me. Che fare? Si può mutare l' identità altrui o la propria con l' esercizio della ragione? Evidentemente no. Non ci resta che sperare in un futuro in cui la forza delle cose e l' istinto di conservazione, «la corrente della vita» appunto, ci porterà ad assumere un' identità diversa e a inventarci una mentalità «universale».

© Copyright Corriere della sera, 25 settembre 2010

2 commenti:

Scenron ha detto...

I siti del viaggio del Papa in Spagna:

www.visitadelpapa2010.es

www.papabarcelona2010.cat

www.benedictoxviensantiago.es (ancora in costruzione)

:-)

mic ha detto...

la 'mentalità universale' o è salvezza in Cristo o è il "Nuovo Ordine Mondiale!
Tertium non datur...