venerdì 23 aprile 2010

Il pastore luterano Jens-Martin Kruse: Benedetto XVI modello nella fede. Un Papa amico di Gesù (Osservatore Romano)


Vedi anche:

Preti pedofili, il vescovo di Bruges ammette abusi. Il Papa lo dimissiona (Izzo)

Disprezzo del Cardinale Pell per la pornografia che promuove la pedofilia. Ricorda l'incontro del Papa con gli australiani vittime di abusi (Zenit)

David Quinn: Il Papa sostituisce George Bush nel ruolo dell'uomo che alcune persone amano odiare (Independent)

Jack Valero al Timesonline: I dati dimostrano che la Chiesa sta facendo pulizia, mentre gli altri no

La Santa Sede autorizza l'avvio del processo di beatificazione di don Tonino Bello, vescovo degli umili (Izzo)

La Chiesa ricorda domani il quinto anniversario dell'inizio del Ministero Petrino di Benedetto XVI

D. Quinn (Indipendent): Dei media più onesti darebbero la caccia agli abusi ovunque

John Haas: "Nessuna istituzione al mondo ha adottato una linea così dura ed efficace contro gli abusi come la tolleranza zero della Chiesa" (A.S.)

Abusi, dichiarazione dei vescovi inglesi e gallesi: "Preghiamo anche per Papa Benedetto, la cui leadership saggia e coraggiosa è oggi così importante"

“Novena di preghiere” per il Papa, a Torino per l’Ostensione della Sindone

Dichiarazione rilasciata dall'Avvocato Jeffrey S. Lena, incaricato di difendere la Santa Sede negli Stati Uniti

Mons. Giuliodori: La Chiesa Italiana deve a Joseph Ratzinger anche l'indirizzo che ha portato a un nuovo modo di comunicare (Izzo)

Durissimo atto d'accusa di Mons. Leonard: prima la Chiesa Cattolica belga insabbiava, ora voltiamo pagina (Apcom)

Il Papa accetta le dimissioni dell’arcivescovo di Bruges coinvolto in un abuso su minore (Radio Vaticana)

L’avvocato Lena negli Usa: privo di merito il caso contro il Vaticano sugli abusi (Radio Vaticana)

L'episodio di Vangheluwe è gravissimo perchè egli aveva già chiesto perdono alla vittima. Dove erano il Primate emerito del Belgio ed i nunzi apostolici?

Il Papa "depone" il vescovo ultraprogressista di Bruges reo confesso di abusi sessuali. Il Primate del Belgio: mai più occultamento o silenzio

Vangheluwe abusò di un ragazzo da sacerdote e per un pò dopo la nomina a vescovo...

Il Papa ha accettato le dimissioni di un terzo vescovo irlandese che coprì abusi (Izzo)

Settimo caso in meno di un mese di "dimissioni" ex canone 401 § 2 del Codice di Diritto Canonico

Si "dimette" il vescovo di Bruges: "Ho abusato di un giovane". Il Papa lo caccia immediatamente

Vergogna! Il vescovo Vangheluwe ha ammesso di avere abusato di un minore. Il Papa accetta immediatamente le sue dimissioni (Sky)

Pedofilia, in Irlanda si dimette Moriarty (Mazza)

Anderson (Notre Dame): i nostri peccati e la fedeltà di Dio (Sussidiario)

L'avvocato Lena: "completamente priva di merito" la denuncia presentata da Anderson

Quello che il Nyt non pubblica (Rodari)

Osservatore: negli attacchi di Kung al Papa c'è una questione di stile, che tradisce la sostanza. Non basta l'ingegneria ecclesiale (Izzo)

Si dimette il terzo vescovo irlandese (Ansaldo)

Card. Kasper: sotto la guida di Papa Benedetto la Chiesa è fermamente intenzionata a fare pulizia, chiarezza e penitenza (La Rocca)

La Sindone tra scienza e fede: il commento di Francesco Antonio Grana

Il Papa accetta le dimissioni di un vescovo irlandese mentre in Germania si dimette Mons. Mixa (Tornielli)

Pedofilia, le vittime italiane chiedono di incontrare il Papa

UE, il Papa auspica l'ingresso a pieno titolo della Macedonia (Izzo)

Pedofilia, si dimette un altro vescovo irlandese (Conte)

Quel "processo" così scomodo, così necessario: il caso Maciel e le sue implicazioni (Paolo D'Andrea)

La Sindone riprodotta, bufala atea (Giuliano Guzzo)

La Germania affronta il vero scandalo pedofilia (Vincenzo Savignano)

Mancuso sostiene che il Papa non ha mai incontrato il Dalai Lama. Falso! Gli articoli che smentiscono questa affermazione

Nonostante lo scandalo e contro ogni previsione aumentano le iscrizioni nelle scuole cattoliche tedesche :-)

Pier Giordano Cabra replica a Kueng: Critiche poco evangeliche (Apcom). Grave errore nel testo dell'agenzia!

Cabras a Kung: "Manchi di carità...perché non rendere omaggio a Chi porta avanti il rinnovamento dei cuori?" (Repubblica)

Lettera al teologo Küng di Pier Giordano Cabra (Osservatore Romano)

Tanzania: la Santa Sede conferma la rinuncia del Vescovo Koda (Zenit). Canone 401 § 2 del Codice di Diritto Canonico

In Irlanda si dimette il terzo vescovo (Bandini)

Intervista al cardinale Ennio Antonelli: “Benedetto XVI ferisce al cuore la mentalità dominante, ecco perché lo attaccano” (Rodari)

Il canone 401 § 2 del Codice di Diritto Canonico e' stato applicato per ben sei volte nel giro di un mese

Si dimette il vescovo Mixa, Mons. Moriarty ribadisce il 'mea culpa' e i vescovi britannici si scusano (Tgcom)

Finlandia. Decine di casi di pedofilia nella Chiesa luterana. Nessuno nella Chiesa Cattolica

I tradizionalisti degli Stati Uniti prendono le distanze dal card. Castrillon Hoyos ed appoggiano in pieno la linea del Papa sulla pedofilia (Apcom)

Irlanda, il mea culpa del vescovo Moriarty: "Dovevo contrastare la cultura prevalente" (Repubblica)

L'enigma di Papa Benedetto è che egli è attaccato proprio dove i fatti gli danno ragione (Magister)

La Santa Sede eviti di disperdere le energie facendo causa alla KlimaFa e si concentri nel denunciare penalmente e civilmente chi offende il Papa!

Il Papa accetta le dimissioni del terzo vescovo irlandese. Mons. Moriarty: chiedo scusa alle vittime e alle loro famiglie

Irlanda, Benedetto XVI ha accettato le dimissioni di mons. James Moriarty, vescovo di Kildare e Leighlin

La direttrice di una scuola dell'infanzia: A Ratisbona tutti sono orgogliosi del loro Papa

Il vescovo di Augusta, mons. Walter Mixa, ha presentato le dimissioni. Lo ha confermato oggi l’ufficio stampa della diocesi in un comunicato (Sir)

Tempo di sofferenza, tempo di grazia: il commento di José Luis Restán

Inutile strillare, il Papa non diventerà un poliziotto (Bruno Mastroianni). Da incorniciare

Benedetto XVI modello nella fede

Un Papa amico di Gesù

di Jens-Martin Kruse
Pastore della comunità evangelica luterana di Roma

Nella domenica Laetare, lo scorso 14 marzo, Papa Benedetto XVI ha visitato la comunità evangelica luterana a Roma e con essa ha partecipato a una liturgia serale nella Christuskirche.
Un segno piccolo, ma importante e incisivo, di rapporti ecumenici maturi e solidi e di un ecumenismo vissuto, come a Roma da molti anni è prassi buona e viva tra le diverse confessioni cristiane. Il Papa è stato accolto calorosamente e cordialmente dalla comunità luterana, ha impressionato per come si è rivolto ai suoi membri, per la partecipazione alla liturgia e per l'omelia profonda e ricca di contenuti.
Da questo incontro è risultato in modo chiaro e concreto che cosa è essenziale per Benedetto XVI e per il suo ministero petrino.
Il Papa ha spiegato un brano del Vangelo di Giovanni (12, 20-26), dove si narra che alcuni greci vanno dall'apostolo Filippo e gli dicono: "Signore vogliamo vedere Gesù". Nella sua meditazione su questi versetti il Papa ha detto che "questa espressione ci commuove, poiché noi tutti vorremmo sempre più veramente vederlo e conoscerlo. Penso che quei greci ci interessano per due motivi: da una parte, la loro situazione è anche la nostra, anche noi siamo pellegrini con la domanda su Dio, alla ricerca di Dio. E anche noi vorremmo conoscere Gesù più da vicino, vederlo veramente. Tuttavia è anche vero che, come Filippo e Andrea, dovremmo essere amici di Gesù, amici che lo conoscono e possono aprire agli altri il cammino che porta a lui".
I pellegrini che vanno incontro a Dio e, nello stesso tempo, sono amici di Gesù possono aprire ad altre persone una porta verso di lui. Con ciò il Papa descrive i tratti fondamentali di una vita cristiana. E queste due immagini esprimono due idee che mostrano chiaramente come Benedetto XVI concepisce e svolge il suo servizio, imprimendo a questo pontificato il suo carattere particolare. Chi incontra il Papa, incontra un cristiano che non mette al centro se stesso o il proprio ministero, ma Gesù Cristo. Egli vuole conoscerlo sempre di più e condurre altri all'incontro con lui, perché ha sperimentato egli stesso che la fede dona consolazione e speranza, realizzazione e senso nella vita.
Proprio questo fa Benedetto XVI con le omelie, le catechesi e le visite pastorali, con prudenza, discrezione e umiltà, ma in modo tanto convincente da renderlo un modello nella fede anche per i luterani.
Papa Benedetto XVI è senza dubbio una delle più importanti personalità del nostro tempo. Ha affrontato in maniera decisiva e che rimarrà le grandi questioni e i grandi temi del mondo contemporaneo: il rapporto fra le religioni, i valori e le tradizioni, la crisi economica, i diritti dell'uomo, e così via. Tuttavia, nello stesso tempo, il Papa dà ogni giorno un contributo importante alla fede cristiana.
Come pellegrino e come amico di Gesù va sempre incontro alle persone, testimonia il messaggio evangelico e incoraggia così a credere. Con piccoli gesti e segni che spesso non hanno una grande risonanza ma che sono - e Benedetto XVI lo sa - indispensabili per rendere viva la comunità dei fedeli e far crescere la fede.
E proprio in questo senso va interpretata la liturgia celebrata con la piccola comunità luterana. Senza tralasciare le difficoltà nell'ecumenismo, il Papa ha spiegato che le Chiese cristiane, prima di lamentarsi, dovrebbero innanzitutto dimostrarsi grate "che vi sia già tanta unità. È bello che oggi, domenica Laetare, noi possiamo pregare insieme, intonare gli stessi inni, ascoltare la stessa parola di Dio, insieme spiegarla e cercare di capirla; che noi guardiamo all'unico Cristo che vediamo e al quale vogliamo appartenere, e che, in questo modo, già rendiamo testimonianza che egli è l'Unico, Colui che ci ha chiamati tutti e al quale, nel più profondo, noi tutti apparteniamo".
Già il giorno successivo all'elezione, Benedetto XVI, nel suo messaggio ai cardinali, ha descritto come suo dovere urgente "quello di lavorare senza risparmio di energie alla ricostituzione della piena e visibile unità di tutti i seguaci di Cristo". Egli è consapevole del fatto che a questo scopo non è sufficiente una dichiarazione di buona volontà, perché "occorrono gesti che entrino negli animi e smuovano le coscienze, sollecitando ciascuno a quella conversione interiore che è il presupposto di ogni progresso sulla via dell'ecumenismo". Il Papa è sempre pronto a questi gesti che esprimono la comunione, che consolidano la fede e, nello stesso tempo, hanno forza visionaria.
Così è stato per la liturgia nella Christuskirche, e la vicinanza e la comunione vissute in quella occasione si esprimono in modo visibile e duraturo. Benedetto XVI ha concluso la sua omelia con queste parole: "Preghiamo gli uni per gli altri, preghiamo insieme affinché il Signore ci doni l'unità e aiuti affinché il mondo creda". Così facciamo, gli uni per gli altri e insieme. Grati perché in Benedetto XVI abbiamo incontrato un Papa che si considera pellegrino nel cammino verso Dio e amico di Gesù.

(©L'Osservatore Romano - 24 aprile 2010)

1 commento:

Maria ha detto...

...e nessun profeta è bene accetto in Patria! Meno male che almeno gli altri riconoscono i meriti del Papa, mentre quelli di casa nostra, non fanno che denigrarlo! (per non parlare di alcuni della sua stessa "casa"!)