lunedì 11 ottobre 2010

Lamezia Terme si prepara ad accogliere il Papa. Il presidente del consiglio regionale: evento storico per la Calabria

Vedi anche:

Nuovo stemma per il Papa (Rinascimento Sacro)

Il Papa apre il Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente con un appello alla comunità internazionale e alle religioni (Izzo)

Per la sicurezza in Terra Santa Benedetto XVI "tira le orecchie" alle organizzazioni internazionali (Matteo Orlando)

George Weigel: Nessuno spende energie per rimproverare un’istituzione considerata moribonda ed un anziano di 83 anni ritenuto irrilevante; questi stessi attacchi sono l’evidenza che la fede cristiana rimane rilevante nella cultura europea

Sinodo speciale per il Medio Oriente: il servizio speciale di Rainews24

L'associazione Meter contro gli abusi su minori apre una sede a Roma: intervista con don Di Noto (Radio Vaticana)

Il bel dossier del TG2 sul viaggio del Papa in Inghilterra con qualche omissione di troppo

Le parole del Papa all'Angelus in una piazza San Pietro gremita nel bel commento di Salvatore Izzo

L’invitato musulmano al Sinodo, Al-Sammak: la nostra terra ha bisogno dei fedeli di Cristo (Fazzini)

L’ambasciatore d’Israele Lewy: il Sinodo, occasione d’incontro e di dialogo (Mazza)

Benedetto XVI in visita a Lamezia Terme il 9 ottobre 2011 (Radio Vaticana e Osservatore Romano)

Sinodo, il Papa: un'occasione propizia per proseguire costruttivamente il dialogo con gli ebrei ed i musulmani. Le religioni uniscano gli uomini ed escludano ogni espressione di violenza (Izzo)

Un grande evento spirituale e di speranza: le aspettative sul Sinodo del vescovo William Shomali e del nunzio Antonio Franco (Radio Vaticana)

Le Chiese mediorientali a Roma: voce che va ascoltata (Geninazzi)

Sinodo, il Papa: La pace in Medio Oriente riguarda tutti e tutti sono chiamati a dare il loro contributo. E' diritto dei Cristiani vivere dignitosamente in Terra Santa (Izzo)

Secondo Avvenire ieri è andato in onda su Raidue un "acuto dossier" su Londra ed il Papa

All’Angelus, il Papa esorta la Chiesa del Medio Oriente ad essere strumento di riconciliazione (Radio Vaticana)

Il Papa: "I Cristiani del Medio Oriente si trovano spesso a sopportare condizioni di vita difficili, sia a livello personale che familiare e di comunità. Ma ciò non deve scoraggiare: è proprio in quel contesto che risuona ancora più necessario e urgente il perenne messaggio di Cristo: "Convertitevi e credete nel Vangelo"" (Angelus)

Il Papa: Il Sinodo per sostenere le Chiese del Medio Oriente e la missione universale (AsiaNews)

Pace e giustizia indispensabili per il Medio Oriente: così, il Papa nella Messa di apertura del Sinodo per la regione. L’invito al dialogo con ebrei e musulmani

Il Papa: I cristiani che vivono in Terra Santa sono "pietre vive della Chiesa" ma hanno diritto di "vivere dignitosamente". Per la pace in Medio Oriente deve esserci il contributo di tutti (Apcom)

Al via il sinodo sul Medio Oriente. Il Papa: "Creare condizioni di pace" (La Stampa)

Il Papa apre il Sinodo per il Medio Oriente: "Nonostante le difficoltà, i cristiani di Terra Santa sono chiamati a ravvivare la coscienza di essere pietre vive della Chiesa in Medio Oriente, presso i Luoghi santi della nostra salvezza. Ma quello di vivere dignitosamente nella propria patria è anzitutto un diritto umano fondamentale: perciò occorre favorire condizioni di pace e di giustizia, indispensabili per uno sviluppo armonioso di tutti gli abitanti della regione" (Omelia)

Il Papa ha fatto incontrare capitalismo e dottrina sociale della Chiesa (Gaetano Quagliariello)

«Ubicumque et semper», cioè «sempre e dovunque»: è questo il titolo del motu proprio di Benedetto XVI che istituisce il Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione (Tornielli)

La speranza oltre il muro. Alla vigilia del sinodo sul Medio Oriente, due libri sul dramma dei cristiani (Valli)

Il Vaticano è preoccupato per la possibile scomparsa dei Cristiani in Medio Oriente (Le Monde)

Etica e innovazioni. Lo slittamento morale (Lucetta Scaraffia)

Libro-intervista al Papa, interpretazioni sul detto e non detto da Seewald alla Fiera di Francoforte

Tempo d'Oriente (Angela Ambrogetti)
____________________________________________

La città si prepara ad accogliere il Papa
Talarico: evento storico per la Calabria.


Colafati: un segnale chiaro d'attenzione e sollecitudine pastorale

Ottobre è un mese che porta cose buone alla città. 26 anni fa, proprio il 5 ottobre, Giovanni Paolo II atterrò all'aeroporto lametino e baciò questa terra. Sabato scorso l'annuncio del vescovo Luigi Cantafora che arriverà Benedetto XVI per celebrare l'Angelus in città.
Il 9 ottobre del prossimo anno il Papa sarà in città l'intera mattinata prima di raggiungere i certosini di Serra San Bruno.
«Interpretando il sentimento di tutta la comunità lametina, è con deferenza che esprimo gratitudine al Santo Padre», ha dichiarato il sindaco. Per Gianni Speranza si tratta di «un avvenimento storico per il quale siamo particolarmente grati al nostro vescovo monsignor Luigi Cantafora ed alla Chiesa calabrese tutta. La comunità è pervasa da un sentimento di profonda felicità: sarà un momento straordinario».
Il primo cittadino ricorda che «nel maggio 2009, su incoraggiamento del nostro vescovo e sotto la sua guida, inviammo in dono al Santo Padre, per il tramite del Cardinale Stanislaw Rylko, la copia anastatica di una cinquecentina custodita in originale nella nostra "Casa del Libro antico" con annotazioni autografe di Tommaso Campanella, esprimendo in quella stessa occasione il desiderio della nostra comunità di averlo nella nostra terra. Lavoreremo da oggi alacremente per accoglierlo degnamente, con l'affetto e l'entusiasmo che è proprio del nostro popolo, e per mostrare all'Italia ed al mondo il volto più bello della nostra città e della Calabria».
Per Franco Talarico, presidente del consiglio regionale, «l'annuncio della visita di Papa Benedetto XVI rappresenta per tutti i calabresi motivo di grande gioia e soddisfazione ed è una forte esortazione alla speranza».
Talarico, a New York in missione istituzionale, sostiene che «la Calabria, a cominciare dalle sue istituzioni e dalle sue classi dirigenti, sono certo che saprà prepararsi adeguatamente ad accogliere il Pontefice. Questa nuova importante occasione s'annuncia preziosa per la Calabria che saprà sicuramente intensificare forze ed impegno in una fase della sua vicenda politico-istituzionale che l'ha vista imboccare finalmente strade percorribili affinchè si affrontino positivamente i suoi problemi antichi e nuovi, e possa finalmente trovare piena cittadinanza la dignità di ciascun uomo».
Anche Ida d'Ippolito, deputata del Pdl, afferma che «si tratta di un evento di portata storica per l'intera regione e Lamezia, che si conferma il cuore della Calabria, una città che soffre ed ha bisogno di segnali forti come questo».
Per Natale Colafati, parroco lametino e direttore del Seminario Pontificio "San Pio X" di Catanzaro, «l'arrivo del Ponrtefice è certamente un segnale chiaro d'attenzione e sollecitudine pastorale». E ricorda che di recente i vescovi hanno licenziato un documento sulla solidarietà nel Sud e sulla Chiesa come presenza significativa di valori spirituali e sociali. Una Chiesa che dev'essere all'altezza delle sfide di oggi».
Luigi Fedele, consigliere regionale del Pdl, sottolinea che «sarà un momento intriso di un valore spirituale profondo che si manifesta in un periodo estremamente delicato per la nostra terra; la visita del Papa però non deve rappresentare soltanto un'occasione di pura fede, ma servire da stimolo per quella stragrande maggioranza di calabresi che crede in un cambiamento reale e concreto».
Anche per Bruno Censore, consigliere regionale del Pd, «l'arrivo del Papa rappresenta un messaggio di speranza per tutta la Calabria, che purtroppo vive una stagione di straordinaria difficoltà economica e sociale ed ha anche bisogno di ritrovare in se stessa la forza per risollevarsi e guardare con fiducia al futuro».
Aggiunge il consigliere: «È motivo di vivo compiacimento la scelta di Benedetto XVI di recarsi a Serra San Bruno, finita la messa di domenica 9 ottobre del prossimo anno a Lamezia. Il Papa, così come Giovanni Paolo II, per raggiungere a Serra San Bruno dovrà fare l'antico percorso che tutti facciamo con fatica dopo aver attraversato l'autostrada Salerno-Reggio. Forse l'annuncio con un anno d'anticipo di questo prezioso appuntamento, può indurre tutti i soggetti che nella vicenda hanno titolo, anzitutto governo, Anas e giunta regionale, a portare a compimento la Trasversale delle Serre».

© Copyright Gazzetta del sud, 11 ottobre 2010

2 commenti:

Maria ha detto...

AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

L'ho appena lettoooooo

ho fatto salti muti per tutta la casa, prima di trovare le parole per esprimermiiiiiiiii

(scusate, sono sotto sopra :D)

Maria ha detto...

ho dimenticato...non so se si capisca, sono calabrese :)