mercoledì 20 gennaio 2010

Il Papa visto dal rabbino Jacob Neusner. Le radici giudaico-cristiane nell’incontro tra due professori (Andrea Monda)


Vedi anche:

Chi è Jacob Neusner, il rabbino amico di Benedetto XVI, che parla con Gesù (Rodari)

Il Papa in sinagoga: raccolta di articoli

Cattolici ed ebrei insieme per la salvaguardia del creato e dell'ambiente

L'Osservatore Romano con Lévy: Benedetto XVI e Pio XII capri espiatori (Bandini)

Se anche Benedetto XVI e Pio XII diventano vittime del pregiudizio: monumentale commento di Bernard-Henri Levy

Il Papa all'udienza generale: il cammino ecumenico avanza ma non è un processo lineare, si preghi per l'unità dei cristiani (Radio Vaticana)

Papa in sinagoga, Mordechay Lewy: I Cattolici ci porgono la mano sarebbe insensato non afferrarla

Il Papa in sinagoga: i commenti di Tobia Zevi e di Franco Cardini

Il Papa in Sinagoga: Sergio Romano risponde ad un lettore (Corriere)

Pedofilia, il Papa convoca tutti i vescovi irlandesi per il 15-16 febbraio (Asca e Apcom)

Il Papa: l’ecumenismo ha fatto “grandi progressi”, anche se ci sono nuovi problemi (AsiaNews)

I «Lineamenta» del Sinodo per il Medio Oriente: La Chiesa in Terra Santa (Nikola Eterovic)

Il Papa convoca i vescovi irlandesi. La lettera sugli abusi sessuali potrebbe essere letta il 17 febbraio, Mercoledì delle Ceneri (Velino)

Il Papa: "Conoscendo Cristo – questo è il punto essenziale - conosciamo il volto di Dio. Cristo è soprattutto la rivelazione di Dio. In tutti i tempi, gli uomini percepiscono l’esistenza di Dio, un Dio unico, ma che è lontano e non si mostra. In Cristo questo Dio si mostra, il Dio lontano diventa vicino" (Catechesi)

Quel legame del Papa con la Baviera. Quando Benedetto XVI parla a braccio, incanta (Cardinale)

Papa Ratzinger, il bimbo assassinato e l'antisemitismo (Corbi)

PEDOFILIA: PAPA CONVOCA VESCOVI IRLANDA, PRONTA LA LETTERA

Benedetto XVI: progressi reali nel 2009 lungo il cammino ecumenico, ma restano problemi. Gli Alpini dell'Aquila donano il loro cappello al Papa (Izzo)

Giovedì 11 febbraio 2010, alle 10.30, il Santo Padre presiederà la Santa Messa per gli Ammalati nella Basilica Vaticana

Irlanda, riunione straordinaria dei vescovi per preparare la ricezione della lettera del Papa sullo scandalo degli abusi sui minori

Visita del Papa in sinagoga: il commento di Luigi Accattoli

Il Papa: "La divisione tra i discepoli di Gesù è di scandalo al mondo e danneggia la causa della predicazione del Vangelo ad ogni creatura"

Il Papa: “Solo Dio può dare alla Chiesa l’unità” (Sir)

Osservatore Romano: il Papa ha terminato la stesura del secondo volume su Gesù (Izzo)

Medio Oriente, documento preliminare del Sinodo dei vescovi: «Il conflitto israelo-palestinese causa di molte delle ostilità» (Bobbio)

Sfide e punti di forza della Chiesa in Oriente per il prossimo Sinodo (Carmen Elena Villa)

Il Papa: caduto Hitler, eravamo felici pur nella nostra povertà (Izzo)

Il Papa: in seminario capii che “Cristo era più forte della tirannia” (Zenit)

Lunedì scorso: lefebvriani e vescovi francesi, tutti in Vaticano (Messainlatino)

Colloqui dottrinali fra Santa Sede e Lefebvriani: la seconda riunione si è tenuta, nel massimo riserbo, lunedì 18 gennaio (I. Media)

Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente: abbattere i muri fra i popoli e fra le religioni (Izzo)

Il Papa conversa con il biblista e rabbino statunitense Jacob Neusner (Jesús Colina)

I vescovi francesi preoccupati per "l'intraprendenza" dei tradizionalisti

Un prete gli salvò la famiglia, ma lui ce l'ha con Pio XII. La lacerazione interna al mondo ebraico indebolisce i rapporti con i Cattolici (Laporta)

Il Papa: “Sapevamo che Cristo era più forte della tirannia, del potere dell'ideologia nazista e dei suoi meccanismi di oppressione” (Sir)

Il rabbino Neusner: Il Papa in sinagoga? Un evento grandioso. E Benedetto ha confidato all'amico ebreo di avere terminato il secondo volume su Gesù

Il Papa ricorda la sua giovinezza: "Nella biografia della mia vita - nella biografia del mio cuore, se così posso dire - la città di Frisinga ha un ruolo molto speciale. In essa ho ricevuto la formazione che da allora caratterizza la mia vita. Così, in qualche modo questa città è sempre presente in me e io in lei" (Commovente discorso in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria di Frisinga)

Chi è il nuovo Arcivescovo di Bruxelles (Messainlatino)

Su segnalazione di Alessia ed Eufemia leggiamo questo bellissimo articolo:

IL PAPA VISTO DAL RABBINO

Le radici giudaico-cristiane nell’incontro tra due professori. Quattro giorni con Jacob Neusner a Roma

di Andrea Monda

Sono stato in compagnia di Jacob Neusner in questo tranquillo weekend romano di dicembre senza pioggia, ed è stata un’esperienza singolare che vorrei augurare a tutti noi italiani dagli occhi pigri e impolverati. Ho capito infatti quello che intende Tolkien quando scrive che “Dovremmo guardare ancora il verde, ed essere nuovamente stupiti […] riguadagnare, un ritrovare una visione chiara. Dobbiamo, in ogni caso, pulire le nostre finestre, in modo che le cose viste con chiarezza possano essere liberate dalla tediosa opacità del banale o del familiare”.
Per un romano niente di più familiare del Papa. Anche quando è di un paese lontano, il Papa è sempre trasteverino. E se è bello che il Papa sia qualcuno di familiare, può essere un rischio se diventa banale, se le nostre finestre si opacizzano e s’incrostano di pregiudizi.
Per fortuna, sempre secondo Tolkien, c’è “l’umiltà.
E c’è, soprattutto per gli umili, Mooreeffoc, vale a dire la fantasia chestertoniana. Mooreeffoc è una parola immaginaria, ma la si può trovare bell’e scritta in ogni villaggio del nostro paese. E’ infatti l’insegna di un Coffeeroom, un caffé, vista dall’interno, attraverso una porta vetrata, come è stata vista da Dickens in una buia giornata londinese; e Chesterton se ne è servito per designare la bizzarria di cose che sono divenute ovvie, quando le si scorga, all’improvviso, da un altro punto di vista”.
Jacob Neusner è venuto qui in Italia per rispolverare occhi e pulire qualche finestra. Lo avevo conosciuto solo via mail, nel maggio del 2007, per intervistarlo per il Foglio sul libro del Papa che lo aveva chiamato in causa dedicandogli diverse pagine a commento del Discorso della Montagna. Ora è venuto qui a Roma proprio a esporre il suo commento a quello che è il più famoso di tutti i discorsi in un dialogo pubblico con monsignor Bruno Forte che si è svolto lunedì sera all’Auditorium di Roma in occasione della presentazione del libro Imago Christi realizzato dalla Fondazione Marilena Ferrari- FMR. Era stata proprio la Fondazione a chiedermi di invitare Jacob Neusner per un confronto sul testo dei capitoli 5-7 del Vangelo secondo Matteo e non c’era scelta più indovinata: già nel 1993 Neusner aveva scritto un saggio “A Rabbi talks with Jesus” (poi pubblicato dalla San Paolo nel 2007) in cui il rabbino immaginava di essere lì, sulla montagna ad ascoltare le ipsissima verba Christi per la prima volta, sforzandosi di eliminare quel bimillenario accumulo di giudizi e pregiudizi, commenti, comprensioni e precomprensioni che si era creato su quel testo.
Lo sforzo era piaciuto tanto all’allora cardinale prefetto della Dottrina della Fede Joseph Ratzinger (“Questa disputa mi ha aperto gli occhi sulla grandezza della parola di Gesù”) al punto che quindici anni dopo, una volta diventato Papa, ha inteso ripercorrere sul suo libro su Gesù di Nazareth quel lungo dialogo a distanza con l’amico rabbino americano. La cosa mi colpì anche perché mi era stata sottolineata dall’amico Elio Guerriero, curatore dell’edizione italiana del volume papale: “Lo spazio dedicato al rabbino Neusner è davvero sorprendente, segnale di una precisa volontà, un grande passo in avanti nel dialogo con gli Ebrei”.
E così feci la cosa più semplice da fare: navigai su Internet e in pochi secondi trovai l’indirizzo mail di Neusner che intervistai. Al termine della lunga chiacchierata via mail eravamo amici: il rabbino, che rispondeva subito, laconicamente ma con una prontezza commovente e sorprendente per i miei tempi italicamente pigri, mi disse che mi poteva chiamare Jacobbo, che per lui è l’equivalente italiano di Jacob (ma ora ha capito lo spelling esatto e quando mi ha fatto l’autografo sul suo libro ha scritto correttamente Giacomo). Il mio amico Giacomo mi ha infatti regalato un libro, l’edizione italiana della sua introduzione al Talmud di cui è uno dei massimi esperti al mondo (il suo sito universitario elenca più di 800 pubblicazioni sulla tradizione rabbinica) e mi ha anche fatto dono di un detto del Talmud che lui ha scelto come stile di vita: “Say little but do much: dire poco ma fare molto”.
Gli ho citato il detto italiano “chi fa non parla, chi parla non fa” e se n’è rallegrato, non solo perché capisce molto bene l’italiano, nonostante gli anni e gli acciacchi si facciano sentire, ma anche perché sente profondamente la vicinanza tra l’Italia e l’America. “Roma mi ricorda New York”, mi dice mentre passeggiamo nei pressi di Villa Borghese, “è un centro vitale, pulsante, e ricco di bellezza”. Ma la vicinanza che a lui sta a cuore è un’altra: “Il Talmud è un testo che si riferisce alla tradizione orale del giudaismo. Oltre alla parte scritta, la Torah, noi ebrei diamo molta importanza alla parte orale, al Talmud. Proprio come nella chiesa cattolica dove c’è non solo la Scrittura ma anche la Tradizione. Ecco un’altra cosa che ci accomuna”.
Gli chiedo ancora del Talmud, dire che ne è affascinato non renderebbe l’idea, e mi spiega che è un libro frutto dello studio di generazioni di rabbini, quasi uno studio sul concetto di studio. E’ una cosa fondamentale per Neusner lo studio e mi cita Elie Wiesel che nel saggio Celebrazione talmudica afferma: “Lo studio significa opporsi alla morte; e a ciò che vi è di peggio della morte: all’oblio”.
Gli comincio a parlare di Benedetto XVI che già nel suo primo viaggio apostolico, a Colonia nel 2005, andò a visitare una sinagoga tedesca e parlò ai giovani del mondo contemporaneo affetto da “una strana dimenticanza di Dio” e lui si mostra in perfetta sintonia: “Oggi si vive nell’oblio. Ciò che manca è lo studio della storia. Penso alla questione delle radici cristiane. Forse è sempre stato un po’ così… mi viene in mente che per i giovani americani di oggi parlare della guerra del Vietnam è come quando a me parlavano della Prima guerra mondiale, un passato che non mi apparteneva”. Ma Neusner non dispera, si dichiara felice di essere nato americano (da una famiglia proveniente da Odessa) perché, dice, “ho speranza nel popolo americano in quanto è un popolo capace di autocritica. Siamo patriottici nel senso profondo e buono del termine”.
Gli chiedo quali siano i rapporti negli Stati Uniti tra ebrei e cristiani e la risposta è lapidaria: “Ottimi. Soprattutto nei piccoli centri c’è un bellissimo rapporto tra cristiani ed ebrei. Io ho tanti amici cristiani e cattolici, penso a monsignor John Favalora, arcivescovo di Miami, e al professore Andrew Greley di Chicago. Ma anche qui in Italia, come gli amici della Comunità di Sant’Egidio. Ricordo quando mi invitarono negli anni Novanta a Milano dove incontrai il rabbino Giuseppe Laras che era amico dell’allora arcivescovo della città”.
Neusner stesso è un crocevia vivente del rapporto tra ebrei e cristiani: a 78 anni ancora insegna e nel semestre primaverile tiene un corso, alla Bard University, di studi comparativi sulla dottrina sociale secondo il giudaismo e il cristianesimo classico, da Paolo a Ireneo, da Origene ad Agostino. Ancora più lapidaria è la risposta alla mia domanda, forse troppo candida, sul perché si sia tanto interessato al cristianesimo: “Perché è la religione che ha conquistato il mondo ed è il futuro del mondo, perché si erge a difesa della vita contro la morte”.
Tre sono stati i momenti forti di questi quattro giorni romani di Neusner: la partecipazione alla visita del Papa in sinagoga, l’udienza privata del Papa riservata a lui e alla moglie Suzanne e il dialogo all’Auditorium con monsignor Forte sul Discorso della Montagna.
Sul primo Neusner è stato chiaro: “Un incredibile evento di partecipazione, con ogni posto a sedere occupato, sono stato davvero felice di parteciparvi, un buon segno per il dialogo religioso”.

Sul secondo si dilunga invece molto di più, parliamo “a caldo” (l’ho accompagnato io in Vaticano), cioè a visita appena avvenuta, e il racconto che ne fanno i coniugi Neusner vale la pena di riportarlo per intero: “Siamo arrivati al Cortile San Damaso alle 11,15 e abbiamo aspettato a lungo per essere ricevuti, il Papa infatti era in ritardo sugli appuntamenti. Ci hanno fatto accomodare in una stanza, molto bella in verità, poi ci hanno chiesto di spostarci in un’altra ancora più bella, poi in un’altra ancora… insomma, abbiamo visitato cinque diverse stanze, tutte splendide, e in ognuna entrava qualcuno che ci chiedeva scusa a nome del Papa; persone gentilissime che parlavano ognuna una lingua diversa, noi ce la siamo cavata con l’inglese. Nessuno però ci ha mai indicato dove fosse la toilette, mi ha colpito, quando siamo stati ricevuti alla Casa Bianca più volte ci hanno chiesto se avevamo bisogno del bagno, ma si sa, noi americani siamo gente più pratica. Finalmente entriamo nello studio del Papa (ma quant’è grande, lo studio!) ed eravamo veramente elettrizzati. Lui è stato gentilissimo e ci ha messo a nostro agio. Eravamo solo noi tre e siamo rimasti soli per quindici minuti, il tempo sufficiente direi, per due professori.
Conoscevo da tanti anni lo studioso e lo stimavo, ora ero molto interessato a incontrare e conoscere l’uomo.
E Ratzinger è un uomo umile, gentile. Non sente l’urgenza di riempire il silenzio tra una parola e l’altra, si mette in ascolto. Inoltre ha ancora la sana curiosità dello studioso, non l’ha messa da parte. Mi ha chiesto dei miei studenti, gli ho detto che li adoro e lui ha sorriso, ha capito cosa intendevo con quell’espressione. La cosa che più mi ha colpito sono stati i suoi occhi penetranti, capace di attraversarti”.
Mentre Neusner parla mi viene in mente l’espressione che usa Pier Paolo Pasolini nel suo libro sull’India quando parla di Madre Teresa di Calcutta: “Quando guarda, vede” e poi la Deus Caritas est che al punto n. 31 afferma: “Il programma del cristiano è un cuore che vede”. Neusner continua su questo aspetto degli occhi e della visione.
Ratzinger è un uomo che ha una visione: per l’Europa, per il mondo, per l’umanità, per la vita (e contro la morte). Nessun altro oggi sembra avere una visione, anche la politica un po’ dovunque è in crisi. Quest’uomo gentile sa dove vuole andare”.
Gli chiedo se hanno parlato di politica, nega recisamente: “Non abbiamo parlato di politica”. E dell’incontro di ieri in sinagoga? Niente. E di che cosa avete discusso? “Abbiamo parlato dei nostri libri, come si fa tra professori. Io gli ho regalato due libri, l’edizione italiana del mio saggio sul Talmud e l’edizione tedesca di “Un rabbino parla con Gesù” e lui lo ha molto gradito perché l’aveva letto in inglese (lingua che conosce e pronuncia in modo eccellente) e anche perché, ha detto, ‘non sono libri molto lunghi… così li potrò leggere’, ha soggiunto quasi sospirando e mi ha parlato del suo nuovo libro, il secondo volume su Gesù di Nazareth che ha da poco finito e che uscirà tra sei mesi. Gli ho chiesto se aveva in mente di scrivere altri libri ma la risposta (che sembra rivelare il suo desiderio reale) è stata piuttosto negativa: “Ho 83 anni, altre cose da fare”.
Al che ho desistito dal mio intento, quello di proporgli di scrivere un libro insieme”. L’ho lasciato parlare, finire di raccontare questo strano incontro tra due vecchi professori che ora si trovano di nuovo a migliaia di chilometri di distanza e, pur essendosi incontrati per soli quindici minuti, forse sono un po’ meno soli.

Il terzo momento è stato lunedì sera all’Auditorium, il dialogo pubblico tra lui e S. E. monsignor Forte. Avevamo pranzato insieme con Neusner e mi aveva detto che aveva letto e apprezzato il testo che l’arcivescovo di Chieti avrebbe letto apparso sul Sole 24 Ore (il rabbino legge e parla correttamente l’italiano). Il rischio a questo punto era, per dirla con Bernanos, che l’incontro tra il teologo cattolico e il rabbino ebreo fosse una conversazione all’insegna del miele piuttosto che un dibattito con la giusta dose di sale, ma il rischio è stato scongiurato grazie soprattutto alla sincerità dei due interlocutori che sono rimasti amabilmente in disaccordo. “Un vero maestro non è chi dice qualcosa di nuovo, ma chi dice qualcosa di vero”, ha affermato Neusner, e monsignor Forte ha apprezzato la franchezza aggiungendo che: “La novità del messaggio di Cristo non sta nel messaggio ma nel messaggero”. “Chi si dichiara Signore del Sabato si pone fuori e al di sopra della Torah”, ha ribadito il rabbino, ma “il Discorso della Montagna non è una legge che si contrappone alla legge mosaica”, ha concluso il teologo (citando il protestante Jeremias), “bensì un Vangelo, la buona notizia sull’amore di Dio che si incarna per salvare gli uomini”. Un confronto vero contrassegnato dalle rotondità delle arcate dei discorsi di Forte e dalle secche e rapide risposte di Neusner. E laconico è stato anche in auto mentre ritornava in albergo, quando ho pensato di provocarlo chiedendogli di Pio XII: “Ora è troppo presto per giudicare. Certo mi sembra che ci siano degli attacchi contro il dialogo tra noi e la chiesa da persone che disonestamente non hanno alcun interesse nemmeno nella causa del giudaismo”, ma non ha voluto aggiungere di più. Gli ricordo la posizione di un ebreo italiano come Paolo Mieli, che ha più volte affermato di aver apprezzato molto di più gli interventi reali e concreti della chiesa che ha salvato tante vite umane, rispetto all’ipotetico discorso pubblico di denuncia da parte del Papa. Neusner mi ha guardato e mi ha risposto ancora una volta laconicamente: “Say little but do much”. Alla fine di questo intenso weekend con un anziano rabbino in giro per Roma, con il suo fare un po’ stravagante, teso più a osservare che a parlare, posso dire che proprio il suo essere e venire “da fuori” mi ha aiutato a ripulire le mie finestre e a vedere una cosa così vicina, come il Papa, da un’altra prospettiva. E se invece penso al mio amico Jacob-Giacomo, che ora è in viaggio per New York, mi viene subito in mente quello che Gesù disse del baldanzoso apostolo Natanaele, quello che lo sfotteva sulle sue origini di Nazareth: “Ecco un israelita senza falsità!” (Gv 1,47).

© Copyright Il Foglio, 20 gennaio 2010 consultabile online anche qui.

3 commenti:

laura ha detto...

Del tutto diverso da tutti gli altri rabbini. Un uomo in cerca della verità, un vero fratello. Bell'esempio di dialogo vero. Grazie per la segnalazione

Maria ha detto...

Uomo gentile e curiosità dello studioso....
Un buon ritratto del nostro Papa :)

gemma ha detto...

grazie..molto bello:)