lunedì 19 aprile 2010

La parole d'ordine: «Purificazione». Ma il filo conduttore è disciplinare la parte della Santa Sede ostile al rinnovamento (Galeazzi). Da incorniciare


Vedi anche:

Pedofilia, il Papa incontra otto vittime a Malta: il commento (audio) di Marco Ansaldo

Il racconto di Lawrence Grech che si dice "liberato" dall'incubo: «Ho visto Benedetto XVI piangere» (Stagno-Navarra)

Si celebra il quinto anniversario dell'elezione del grande Papa Benedetto XVI (Gasparroni)

L'incontro con otto vittime di preti pedofili ha impresso un segno indelebile sul viaggio di Benedetto XVI a Malta (Conte)

BUON ANNIVERSARIO PAPA BENEDETTO, DOLCE CRISTO IN TERRA!

Rabbia ed odio spazzati via dalle lacrime di Papa Ratzinger: il bellissimo commento di Salvatore Izzo

Il pianto del Papa con le vittime degli abusi sessuali. "Dio non rifiuta nessuno. E la Chiesa non rifiuta nessuno (Magister)

Il Papa si comgeda da Malta: "Siate un esempio, sia qui che altrove, di una dinamica vita cristiana. Siate fieri della vostra vocazione cristiana e conservate con cura la vostra eredità religiosa e culturale" (Discorso)

Inqualificabile il comportamento di tg1 e tg2

Conclusa la storica visita del Papa a Malta: il bellissimo video-omaggio di Times of Malta

Malta, il Papa incontra 8 vittime di abusi. La commozione dei protagonisti. Padre Lombardi: clima intenso ma sereno

Lawrence Grech: L'incontro con il Papa è stato «il più grande regalo mai ricevuto dopo la nascita di mia figlia»

Il Papa: "Dio ama ognuno di noi con una profondità e intensità che non possiamo neppure immaginare. Egli ci conosce intimamente, conosce ogni nostra capacità ed ogni nostro errore. Poiché egli ci ama così tanto, egli desidera purificarci dai nostri errori e rafforzare le nostre virtù così che possiamo avere vita in abbondanza. Quando ci richiama perché qualche cosa nelle nostre vite dispiace a lui, non ci rifiuta, ma ci chiede di cambiare e divenire più perfetti" (Discorso ai giovani)

A Malta il Papa incontra alcune vittime di abusi da parte del clero (Zenit)

Le vittime degli abusi di Malta soddisfatte dopo l'incontro con Benedetto XVI

IL PAPA A MALTA: VIDEO, FOTO, PODCAST

Vittima di abusi: ho visto il Papa piangere. Ho colto in lui l'umiltà della Chiesa (Ansa)

Malta ha accolto il Papa con una grande e calorosa partecipazione. Stamattina erano attesi 15mila fedeli e ne sono giunti 50mila (Radio Vaticana)

Alla messa con il Papa si invoca una Chiesa senza macchia nè vipere. Poi il ricordo di Giovanni Paolo II (Izzo)

Vittima Malta: Incontrare Papa ha dato pace ai cuori. Il portavoce degli otto uomini: Ha avuto coraggio ad incontrarci (Apcom)

Il Papa arriva a Floriana: bellissimo video di Maltastar

Papa Ratzinger a colloquio con 8 maltesi vittime di preti pedofili dopo la messa a Floriana (Corriere)

Le vittime di abusi: il Papa ci ha donato la pace (Times of Malta)

Una delle vittime che hanno incontrato il Papa: «Sono stato sollevato e liberato da un grande peso»

Il Papa a vittime pedofilia Malta: Provo vergogna e dolore. Impegnati su indagini, sanzioni e prevenzione. Ora riconciliazione (Apcom)

Due anni fa, il 17 aprile 2008, per la prima volta nella storia un Papa incontrava un gruppo di vittime di preti pedofili a Washington

Benedetto XVI alle vittime di abusi: provo vergogna e dolore per l'accaduto, consegnare i colpevoli alla giustizia

Il Papa incontra alcune vittime degli abusi: profonda commozione, vergogna e dolore (Radio Vaticana)

INCONTRO DEL PAPA CON LE VITTIME DI ABUSI: COMUNICATO DELLA SANTA SEDE

Bagno di folla oltre ogni attesa e benedizione speciale per i bambini malati terminali: la prima giornata del Papa a Malta

IL PAPA INCONTRA OTTO VITTIME DI PRETI PEDOFILI MALTESI

Il Papa: la misericordia di Dio per guarire le ferite del mondo. Poi incoraggia i sacerdoti ad essere fedeli agli impegni (Izzo)

Il Papa a Malta: Solo Dio, non la tecnologia avanzata, può proteggerci dal male (AsiaNews)

Il Papa: vogliono convincerci a rinunciare a fede (Ansa)

Il Papa: "Conosco la particolare devozione del popolo maltese alla Madre di Dio, espressa con grande fervore a Nostra Signora di Ta’ Pinu e sono lieto di avere l’opportunità di pregare davanti alla sua immagine" (Regina Coeli)

Il Papa: Non tutto quello che il mondo oggi propone è meritevole. Molte voci cercano di persuaderci a mettere da parte fede e chiesa (Izzo)

Nel pomeriggio l'incontro del Papa con i giovani maltesi (Radio Vaticana)

Il Papa: "Molte voci cercano di persuaderci di mettere da parte la nostra fede in Dio e nella sua Chiesa e di scegliere da se stessi i valori e le credenze con i quali vivere. Ci dicono che non abbiamo bisogno di Dio e della Chiesa" (Omelia)

Il Papa: L'immigrazione è "un grande problema del nostro tempo" e tutti "dobbiamo rispondere a questa sfida" (Galeazzi)

Annunciate a tutti la bellezza della fede: così il Papa alla Grotta di San Paolo (Radio Vaticana)

Al porto l’abbraccio dei giovani maltesi (Sartini)

Preti pedofili, il Papa: la Chiesa ferita dai nostri peccati (Izzo)

Malta ha riservato al Papa «un’accoglienza superiore alle aspettative». Oltre centomila persone hanno abbracciato Benedetto :-)

Il Papa: Chiesa ferita dai nostri peccati. Sull’aereo per Malta: nel Vangelo la forza che risana (Muolo)

La visita del Papa in diretta su Times of Malta

L’accoglienza dei Maltesi è calorosissima. «Happy birthday» per il Papa (Tornielli)

IL PAPA A MALTA: I VIDEO DI TIMES OF MALTA

Il Papa affronta con decisione la ripida scala che conduce al Santuario di Rabat "seminando" vescovi ed autorità :-) (Izzo)

Questa storia del "carisma" wojtyliano sta seriamente danneggiando la credibilità dei mass media e rischia di rovinare in molti il ricordo di Giovanni Paolo II (Raffaella)

Vero e proprio bagno di folla per il Papa nelle vie de La Valletta. Migliaia di ragazzi gli cantano: "Tanti auguri a te" (Izzo)

Il Papa: la Chiesa è stata ferita dai nostri peccati. Benedetto XVI accolto a Malta da una folla festante

Il Papa arrivato a Malta sulle orme di San Paolo. Accolto da un grandissimo bagno di folla (Avvenire)

Il Papa: "L’arrivo di san Paolo a Malta non era programmato. Come sappiamo, si stava recando a Roma quando sopraggiunse un violento temporale e la sua nave fu scaraventata su quest’isola. I marinai possono tracciare una rotta, ma Dio, nella sua sapienza e provvidenza, dispiega il proprio itinerario. Paolo, che aveva incontrato in maniera drammatica il Signore Risorto sulla via di Damasco, lo sapeva molto bene" (Discorso alla Grotta di Paolo)

Il Papa: gravi minacce alla vita ed alla sacralità del matrimonio (Izzo)

CONFERENZA STAMPA DEL PAPA SUI MOTIVI DEL VIAGGIO A MALTA: SAN PAOLO, IL PROBLEMA DEGLI IMMIGRATI ED I PECCATI CHE FERISCONO IL CORPO DI CRISTO

Il Presidente maltese: "Santo Padre, il nostro inno e' una preghiera". Il Papa: l'Europa aiuti Malta per l'accoglienza dignitosa degli immigrati (Izzo)

Fuori programma del Papa: esce dal Palazzo presidenziale a piedi per salutare i malati (Izzo)

Pedofilia, il presidente di Malta: la colpa di pochi non oscura la Chiesa (Apcom)

Le parole del Papa sull'aereo: trascrizione di Andrea Tornielli

Malta: bagno di folla per il Papa (Rcd)

PAPA A MALTA: BAGNO DI FOLLA NELLE STRADE DELLA CAPITALE

Il Papa a Malta: siate baluardo cattolico a difesa dei valori della Unione Europea (Izzo)

Il Papa: "Il popolo maltese, illuminato per quasi due millenni dagli insegnamenti del Vangelo e continuamente irrobustito dalle proprie radici cristiane, è giustamente fiero del ruolo indispensabile che la fede cattolica ha avuto nello sviluppo della propria Nazione" (Discorso di benvenuto)

La dolce rivoluzione di Papa Ratzinger. Lunedì si chiude il primo lustro del pontificato di Benedetto XVI, il Papa della fede e della ragione (Grana)

Gravissime le affermazioni di Sergio Romano: il Papato è una monarchia, non una diarchia! A ciascun Papa la propria responsabilità

Fieri di appartenere alla (vera) Chiesa: il commento di Angelo Ferro, Presidente Nazionale degli Imprenditori Dirigenti Cattolici (Corriere)

Il tweet di Anna Arco, inviata a Malta per il Catholi Herald

Malta accoglierà oggi con entusiasmo Benedetto «sofferente» per gli scandali di pedofilia. Le vittime fiduciose nel nuovo corso inaugurato dal Papa

Il dolore del Papa per i mali della Chiesa merita rispetto, silenzio, delicatezza (Don Chino Pezzali). Da incorniciare!

Giuliano Ferrara: L'inquisizione dei media vuole zittire il moderno Ratzinger. Era quest'ultimo, nel Pontificato precedente, a fare il "lavoro sporco"

Lucetta Scaraffia: "La libertà del Papa" (Osservatore Romano). Monumentale

Il compleanno lieto del Papa penitente. La strana serenità di Benedetto XVI: "La penitenza è grazia" (Cervo)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE A MALTA (17-18 APRILE 2010): LO SPECIALE DEL BLOG

ANALISI

Dopo cinque anni di pontificato Ratzinger deve riformare la Curia

La parole d'ordine: «Purificazione».
Ma il filo conduttore è disciplinare la parte della Santa Sede ostile al rinnovamento


GIACOMO GALEAZZI

MALTA

A cinque anni dall'elezione, Benedetto XVI riparte dall'inizio. Ormai (in Germania, Gran Bretagna, Austria) gli episcopati nazionali collaborano con le autorità civili e applicano direttamente la «tolleranza zero» del Pontefice per evitare insabbiamenti, coperture, ritardi e per aggirare il «muro di gomma» dei dicasteri vaticani.
Dalla revoca della scomunica al vescovo negazionista Williamson alle resistenze al «giro di vite» sugli abusi del clero, il primo quinquennio ratzingeriano è costellato di incidenti diplomatici, crisi interreligiose, errori di comunicazione provocati dalle inveterate inefficienze della macchina curiale.
Nulla di nuovo per il teologo bavarese che in un quarto di secolo in Curia ha maturato una convinzione: ormai la burocrazia ecclesiastica, tra inadeguata preparazione dei prelati, costi, corruzione e «governance» in tilt, è più un ostacolo che un servizio alla Chiesa universale.
Nella "Via Crucis" del 2005 la pubblica denuncia del «marciume» nella Chiesa fu per il cardinale Ratzinger un «manifesto elettorale» al pari delle omelie ai funerali di don Giussani e Wojtyla. Poi, appena eletto Papa, affidò al ministro vaticano delle Finanze Nicora, un piano di ridefinizione della pletorica e controproducente Curia che non ha mai visto la luce. Sulle orme del riformatore Paolo VI, Joseph Ratzinger ha sempre messo tra le priorità del pontificato il superamento dei «labirinti vaticani» nei quali gli scandali sessuali e finanziari continuano a proliferare.
Che Oltretevere fosse necessario un drastico cambiamento strutturale lo sapeva bene anche un altro ex funzionario vaticano come Montini. Alla fine degli Anni 60, perciò, Paolo VI attuò l'ultima grande riforma nei Sacri Palazzi. Adesso Benedetto XVI vorrebbe ricominciare da lì per dare impulso a una rivoluzione complessiva nei dicasteri pontifici. Tagliare i ministeri si è però dimostrata un'impresa difficilissima. I dicasteri per il Dialogo interreligioso e la Cultura sono stati prima accorpati poi di nuovo separati, così come tutti i tentativi di ridurre il numero degli uffici curiali e di sfrondare l'organico vaticano si sono infranti contro un muro di ostilità. Anche i ministeri per la «Giustizia e la Pace» e l'Immigrazione prima sono stati uniti da Benedeto XVI poi sono tornati due entità distinte.
Disciplinare la Curia indocile è considerata da Ratzinger un'esigenza vitale per la Chiesa sotto attacco per i «nostri peccati».
Resistenze, rivalità curiali, cordate di aspiranti a promozioni e guerre mediatiche a colpi di dossier tra vecchio e nuovo corso, stanno frenando la sua azione di «purificazione».
«Incontriamo resistenze al messaggio del Vangelo - ha evidenziato ieri Benedetto XVI alla Valletta incontrando i giovani -. La cultura odierna promuove idee e valori in contrasto con quanto predicato da Gesù: sono presentate con grande potere persuasivo, rinforzato dai media e dalla pressione sociale di gruppi ostili alla afede cristiana». E' qui che per Joseph Ratzinger si gioca la sfida decisiva, adesso che «nel contesto della società europea, i valori evangelici stanno tornando a essere una contro-cultura come lo erano al tempo di San Paolo».
Cinque anni di luci ed ombre, soprattutto per la solitudine del Pontefice in una Curia poco collaborativa rispetto ai suoi slanci di risanamento e moralizzazione.
«Il tempo è passato rapido e le vicende sono state intense - spiega il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi -. Per leggere correttamente il quinquennio bisogna tornare alla Cappella Sistina, la mattina dopo l’elezione, quando il nuovo Papa raccoglieva l’eredità spirituale di Karol Wojtyla e indicava le priorità che avrebbero orientato il suo servizio nella vigna del Signore».
E cioè: il rapporto dell’uomo con Dio, l’impegno «senza risparmio di energie» per ricostituire «la piena e visibile unità di tutti i seguaci di Cristo», il desiderio di rispondere alla «richiesta di aiuto da parte dell’odierna umanità che, turbata da incertezze e timori, si interroga sul suo futuro».
E ancora, il dialogo «aperto e sincero» con i seguaci delle altre religioni o con quanti cercano risposta alle domande fondamentali dell’esistenza, «per la ricerca del vero bene dell’uomo e della società». «Non c’è dubbio che queste siano state le priorità reali del pontificato, perseguite con coerenza e coraggio in un contesto spesso non privo di tensioni e di ostacoli - ammette padre Lombardi -. Ma Benedetto XVI ha detto fin dall'inizio che non avrebbe cercato di far brillare la luce propria, ma quella di Cristo. Auschwitz, Istanbul, New York, Sydney, Parigi, l’Africa, Gerusalemme. Sinagoghe e moschee, encicliche sulla carità, sulla speranza, sull’etica nello sviluppo, nell’economia e nel rispetto dell’ambiente. Un bilancio ricco e pieno, di servizio di Dio e dell’umanità».
Intanto ad accendere i riflettori dell'opinione pubblica sulla Santa Sede sono stati quasi esclusivamente la violenta reazione islamica al discorso di Ratisbona sulla fede autentica, i mai sopiti conflitti con l'ebraismo sulla preghiera per la conversione del Venerdì santo, la beatificazione di Pio XII e i dialoghi dottrinari con i lefebvriani, le accuse alla Chiesa per la gestione degli scandali sessuali. Eppure sono innegabili i risultati positivi del pontificato. I rapporti tra Roma e Mosca non sono mai stati così buoni: nei seminari ortodossi sono entrati come manuali i libri di teologia di Joseph Ratzinger.
Nella lettera ai cattolici cinesi il Papa ha saputo trovare una formulazione che accontentasse sia i diplomatici più accondiscendenti con Pechino sia il fronte più battagliero guidato dal cardinale Joseph Zen. E anche la possibilità di tornare a celebrare liberamente in latino è stata metabolizzata bene dalle diocesi.
L'azione per sanare le ferite del passato è ritenuta necessaria dagli episcopati nazionali che, attraverso i nunzi apostolici, attuano le direttive del Pontefice contro gli abusi del clero, bypassando una Curia bloccata da tensioni interne e in gran parte presidiata da capidicastero ultra75enni in scadenza di mandato.
«La battaglia di Joseph Ratzinger si capisce a partire dalla Curia che ha trovato cinque anni fa al momento dell'elezione e cioè una corte sovrastata dal carisma di Wojtyla ma non governata ed endemicamente caotica», sottolineano i fedelissimi del «riformatore mite» Benedetto XVI.

© Copyright La Stampa, 19 aprile 2010 consultabile online anche qui.

2 commenti:

Maria ha detto...

SU RAI 3 c'è uno speciale di RAI EDU, SUL PAPA!!!!!!!

Luisa ha detto...

"cioè una corte sovrastata dal carisma di Wojtyla ma non governata..."

Io direi sopratutto una corte che ha approffittato delle lunghe e frequenti assenze di Giovanni Paolo II, e purtroppo della sua lunga malattia, i privilegi si sono installati, il potere si è concentrato in alcune mani, alleanze, lotte intestine, giochi di potere e di influenza, favori distribuiti.
Benedetto XVI, che ne era perfettamente consapevole (chi meglio di lui conosce il funzionamento della Curia?), si è trovato a gestire e governare una struttura rigida e rigidamente rinchiusa sui suoi privilegi e ad essi attaccata, il suo desiderio di allegerire il tutto sembra non andare a buon porto, compito immane il suo al quale si aggiunge la gestione quotidiana della Chiesa che ha ricevuto in eredità, una Chiesa divisa, una "Barca che prende acqua da tutte le parti".
Benedetto XVI parla alle coscienze di noi tutti, i piccoli, i semplici, gli umili lo amano, lo ascoltano, si stringono attorno a lui e pregano per lui, possiamo solo sperare che arrivi anche alle coscienze di chi gode di certi privilegi, di chi ha ed è nel potere, di chi ha usufruito di favori generosamente accordati, di chi ha creduto che una nuova Chiesa di stile parlamentare era nata dopo il Concilio e che l`autorità del Successore di Pietro era oramai svuotata della sua sostanza.