martedì 9 novembre 2010

Un futuro di amicizia. L'Osservatore Romano ospita un commento di Renzo Gattegna che poi commenteremo...

Vedi anche:

Il Papa a Barcellona, una giornata vissuta con intensità. Tra le pagine vive di una storia di fede (Ponzi)

Il Collegio cardinalizio invitato dal Papa per il 19 novembre a una Giornata di riflessione e preghiera sui temi più attuali della Chiesa (R.V.)

Cinque vescovi anglicani verso la Chiesa cattolica. Padre Lombardi: allo studio la creazione di un primo Ordinariato come previsto dalla Costituzione apostolica «Anglicanorum coetibus» (Cardinale)

Presentati un convegno e una mostra per conoscere da vicino la Biblioteca Apostolica Vaticana

Santa Sede: anche le numerose forme di violenza cui sono sottoposte le comunità cristiane in Medio Oriente sono crimini da combattere

Sagrada Familia, lo storico gesuita Garcia de Cortazar: «In quel tempio il riflesso delle radici cristiane dell’Europa» (Coricelli)

"O Croce benedetta, brilla sempre nelle terre dell'Europa!". L'auspicio dalla Spagna del "crociato" Benedetto (Matteo Orlando)

Il Papa: scelte economiche e sociali a sostegno della vita e della famiglia. La Spagna invitata a preservare il suo ricco patrimonio spirituale (Mazza)

Il Papa ai vescovi italiani: la liturgia apre alla vita buona del Vangelo (Muolo)

Le più belle immagini del Papa in Spagna nello stupendo servizio di Rome Reports

Il Papa visiterà il prossimo 18 dicembre la Biblioteca Apostolica Vaticana riaperta al pubblico dopo i lavori di restauro (Asca)

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI UNA MOSTRA E DI UN CONVEGNO DELLA BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA

Benedetto XVI alla plenaria della Cei: riconoscere il "primato educativo" alla famiglia e valorizzare la liturgia come fonte di formazione al bene (R.V.)

Jesus ospita un'intervista a Hugh Wybrew (canonico della Chiesa di Inghilterra) che sbaglia completamente le analisi e fa male i conti con la Anglicanorum Coetibus (dopo la giornata di ieri poi...)

Protect the Pope questa mattina deplora che ai media della riunione pre concistoro del Papa con i cardinali interessa solo la parte che riguarda la discussione sugli abusi

Gaudì batte Zapatero. La modernità non è atea (Rondoni)

La famiglia sagrada di Benedetto XVI e quella retorica della nostra politica (Diana Zuncheddu)

Una sentenza della Corte di Cassazione recepisce il verdetto di nullità di un matrimonio emesso dal tribunale regionale ecclesiastico di Modena: la moglie non riteneva la fedeltà un elemento rilevante (Haver)

Padre Engelbert (Fraternità S. Pietro) critica la strategia di Mons. Zoellitsch sulla pedofilia, basata sul dialogo anziché sulle pratiche penitenziali e sacramentali indicate dal Papa nella lettera alla Chiesa d'Irlanda

Mons. Leonard pubblica direttive contro gli abusi liturgici

Il pubblico ha premiato TVE, la televisione pubblica spagnola, per seguire la visita del Papa in Spagna (Sir)

Sagrada Familia, un’arte che avvicina a Dio (Tornielli)

Col Papa nella Sagrada Familia (Luigi Amicone)

L’ultima "pietra" della Sagrada Familia è di Papa Benedetto (José Manuel Almuzara)

Cinque vescovi anglicani passano alla Chiesa di Roma

Spagna: massima audience nelle TV pubbliche per la visita del Papa (Zenit)

La curiosità: in Spagna l' "effetto Ratzinger" vaporizza l' "effetto Obama" in copertura mediatica e pubblicità

Il Papa consacra la Sagrada Familia (Ansaldo)

La sfida della Spagna dai due volti (Andrea Riccardi)

Il Papa: la chiesa italiana valorizzi di più la liturgia. La Cei promuova una grande alleanza sull'emergenza educativa (Izzo)

Il Papa consacra a Barcellona la Sagrada Familia. La pietra che sostiene il peso del mondo (Osservatore Romano)

Il Papa alla CEI: "L’autentico credente, in ogni tempo, sperimenta nella liturgia la presenza, il primato e l’opera di Dio. Essa è “veritatis splendor” (Sacramentum caritatis, 35), avvenimento nuziale, pregustazione della città nuova e definitiva e partecipazione ad essa; è legame di creazione e di redenzione, cielo aperto sulla terra degli uomini, passaggio dal mondo a Dio; è Pasqua, nella Croce e nella Risurrezione di Gesù Cristo; è l’anima della vita cristiana, chiamata alla sequela, riconciliazione che muove a carità fraterna"

Mons. Hanke (Eichstaett): Lo scopo della Chiesa non è essere moderna, ma la Comunione con Cristo

Mercoledì il Papa ha ricevuto i direttori di Kathnews e dell'Associazione "Pro Missa Tridentina" che lo hanno relazionato sull'attuazione del Summorum Pontificum in Germania

La foresta di Dio: Giovanni Maria Vian commenta il viaggio del Papa a Santiago e Barcellona

La lettera del Papa ai seminaristi, la GMG di Madrid, i viaggi nel Regno Unito ed in Spagna nella prolusione del card. Bagnasco (Osservatore Romano)

La compagnia aerea Iberia fa un "dolce regalo" al Papa (Rome Reports)

"La verità del Papa" di Aldo Maria Valli: la recensione de "Il Foglio"

Situazione della chiesa in Belgio: l'approfondimento di Messainlatino.it

Il canto "Virolai" cantato per il Papa dal coro di Montserrat al termine della Messa nella Sagrada Familia (Rome Reports)

Il Papa convoca tutti i membri del collegio e i nuovi cardinali eletti su Anglicanorum Coetibus e lotta alla pedofilia (Izzo)

Comunicato della sala stampa della Santa Sede: "giornata di riflessione e di preghiera" del Collegio Cardinalizio su libertà religiosa, liturgia, Dominus Jesus, Anglicanorum Coetibus e pedofilia nel clero

Inghilterra: dichiarazione dei cinque vescovi anglicani dimessi

Vescovi Anglicani dimessi. Dichiarazione di Padre Lombardi: possiamo confermare che è allo studio la costituzione di un primo Ordinariato, secondo le norme stabilite dalla Costituzione apostolica “Anglicanorum coetibus”

Il Papa, pellegrino della fede. La riflessione del prof. Abel Veiga Copo

Benedetto rompe gli schemi: il futuro della fede passa dalla Spagna: il commento di Lucio Brunelli (Sussidiario)

Il Papa in Spagna: nel cuore del mondo. La riflessione di José Luis Restán

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE A SANTIAGO DE COMPOSTELA E BARCELLONA (6 - 7 NOVEMBRE 2010): LO SPECIALE DEL BLOG (Raccolta di articoli, notizie e testi dei discorsi e delle omelie)
______________________________________________________________

Leggiamo e poi commentiamo in un successivo post:

«Sotto il cielo di Roma» ha rilanciato il dibattito tra ebrei e cattolici

Un futuro di amicizia

A proposito del dibattito sulla fiction televisiva Sotto il cielo di Roma pubblichiamo una riflessione del Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

di Renzo Gattegna

La trasmissione televisiva delle due puntate della fiction Sotto il cielo di Roma ha rilanciato l'animato dibattito che è in corso da circa cinquant'anni sul comportamento tenuto dal Papa Pio xii nei confronti del nazismo in generale e in particolare durante l'occupazione di Roma nel periodo 1943-1944.

È un dibattito che rimane aperto sia in sede scientifica, fra gli storici, sia fra coloro che sono favorevoli o contrari alla sua beatificazione, ma credo sia opportuno tenere nettamente separati i due contesti.

Sulla causa di beatificazione, procedura interna della Chiesa cattolica, gli ebrei non vogliono intervenire, anche perché certamente i più interessati a una verifica incontrovertibile di tutto ciò che riguarda la vita e le opere del Papa sono gli stessi promotori e sostenitori della sua beatificazione.

Riveste invece grande interesse per gli ebrei l'accertamento della verità storica su tutti i fatti avvenuti dal 1938 al 1945, periodo nel corso del quale sono stati messi in atto prima la discriminazione, poi la persecuzione e infine lo sterminio.

Sarebbe di fondamentale importanza proseguire e completare il lungo e difficile lavoro di ricerca negli archivi, di studio e di valutazione che certamente non può essere svolto in tempi brevi, né può essere trattato con rigore scientifico da una fiction televisiva che, per sua stessa natura, è una «finzione» o quantomeno una narrazione soggettivamente trasfigurata dall'ispirazione e dalla sensibilità degli autori.

Nel corso del dibattito sorto in questi ultimi giorni sono state espresse significative convergenze nel considerare l'opera dignitosa sul piano artistico, ma volutamente e dichiaratamente agiografica della figura del protagonista e, mi permetto di segnalare, ricca di molte inesattezze storiche: su quest'ultimo aspetto è emersa una diversificata gamma di opinioni, tutte ampiamente argomentate, tanto che a questo punto, piuttosto che proseguire nel sostenere teorie contrapposte, sarebbe più utile riprendere il percorso che è stato intrapreso negli ultimi decenni.

È utile ricordare che un nuovo clima e nuovi costruttivi rapporti si sono instaurati tra ebrei e cattolici dopo il concilio Vaticano ii: la promulgazione della dichiarazione Nostra aetate, l'allacciamento delle relazioni diplomatiche tra lo Stato di Israele e la Santa Sede, i viaggi di tre Pontefici in Israele, le visite di due Papi alla Sinagoga di Roma e infine, proprio finalizzata alle ricerche storiche sul periodo degli anni Trenta e Quaranta, la costituzione della commissione bilaterale composta di esperti incaricati di studiare la nuova documentazione, non ancora conosciuta, che sta emergendo dagli archivi vaticani.

Al fine di proseguire con le iniziative dedicate alla reciproca comprensione e all'amicizia, un gesto utile, necessario e certamente apprezzato sarebbe una aperta dichiarazione di rinuncia da parte della Chiesa a qualsiasi manifestazione di intento rivolto alla conversione degli ebrei, accompagnata dall'eliminazione di questo auspicio dalla liturgia del Venerdì che precede la Pasqua.

Sarebbe un segnale forte e significativo di accettazione di un rapporto impostato sulla pari dignità e sul reciproco rispetto, condizioni queste indispensabili per un futuro di amicizia e solidarietà, le stesse di cui tanti cattolici dettero prova quando, a rischio della propria vita, salvarono migliaia di ebrei dalla deportazione nei campi di sterminio.

(©L'Osservatore Romano - 10 novembre 2010)

5 commenti:

Maria ha detto...

....mi pare il solito copione....
e siamo alle solite "ingratitudini": che problema c'è, se preghiamo per la conversione degli Ebrei?

Se io fossi ebrea, e fossi convinta di essere arrivata alla verità, il sillogismo dovrebbe essere questo:
che preghino pure, se sono nel giusto rimarrò dove sono, se no, cambierò strada.

Chi ha sempre il dente avvelenato, è perché in fondo sa di avere torto.
Lo dicono anche gli psichiatri, che si alza la voce quando ci si rende conto di perdere potere.

La chiarezza cristiana non deve andare a scapito della verità e per di più, davanti a tanta ingratitudine, non basteranno nemmeno cento secoli (non anni!) di studio negli archivi, per "riabilitare" Pio XII!

Capperi, avessero parlato tanto dopo le parole di Berlusconi! Invece niente, lì nessuno aveva interesse....

Anonimo ha detto...

Comunque, anche se Renzo Gattegna non ne vuole sentir parlare, continuerò a pregare per la conversione degli ebrei: in effetti ho tanti amici ebrei che vorrei tanto fossero salvati e ritrovare con me in paradiso per adorare la Santissima Trinità.

SdC

laura ha detto...

caro Anonimo, tu prega pure, ma dipende anche da loro. Sant'Agostino dice "Qui creavit te sine te, non servabit te sine te" e se loro non accettano, cosa vuoi fare?

Abelardo ha detto...

L'osservatore romano è diventato lo specchio della massoneria e degli ebrei.
Ai tradizionalisti non si concede un trafiletto...agli ebrei intere pagine!
Vian vattene via!

Anonimo ha detto...

Gli ebrei,fatte salve alcune eccezioni che confermano la regola, come dice la Bibbia nel vecchio testamento, rimangono "un popolo di dura cervice" Purtroppo!.