giovedì 4 febbraio 2010

Don Marco Dessì, accusato di pedofilia, è stato espluso dalla Chiesa Cattolica su decreto inappellabile di Benedetto XVI (Repubblica)


Vedi anche:

CHIESA E PEDOFILIA: LA TOLLERANZA ZERO DI PAPA BENEDETTO XVI

La moltiplicazione dei conclavi di Scalfari (Il Riformista). Evidentemente il fondatore di Repubblica parla della Chiesa ignorandone la storia recente

Card. Kasper sulle accuse a Vian: "Non esisteva alcun motivo per una macchinazione del genere" (Galeazzi)

Caso Boffo, Mons. Negri: tentativo diabolico di togliere alla Chiesa forza nella società (Apcom e Corriere)

Il caso Boffo e le nuove tensioni: «Tutta la Chiesa sotto attacco» (Vecchi)

Secondo Mancuso, in cinque anni, Benedetto XVI non ha ancora fatto pulizia nella Chiesa!

Chiesa divisa, il richiamo del Papa (Galeazzi)

Sergio Marchionne: Quelle tute blu guidate più dal Papa che dalla Cgil

Il veleno dei cardinali. Il caso Boffo scuote la Chiesa (La Rocca ed Ansaldo). Le riflessioni del blog

Vittorio Feltri: "Non conosco né il direttore dell’Osservatore Romano né il cardinale Bertone, mai incontrati" (Il Giornale)

Wojtyla, postulatore sotto accusa. Ora a rischio la beatificazione? (La Rocca)

Nella Chiesa c'è chi cerca solo carriera e potere. Il Pontefice: «Molti lavorano per se stessi e non per la comunità» (Gasparroni)

Discorso del Papa ai vescovi inglesi, Andrew Pierce: "Io, uomo gay, sono d'accordo con il Papa"

Storia di Shazia, 12 anni, cristiana (Antonio Socci)

Il Papa: nella Chiesa per servire il Vangelo, non per far carriera (Zenit)

Discorso del Papa ai vescovi inglesi, Brendan O’Neill: lo Stato non può imporre il pensiero unico

Il Papa e lo Spirito Santo (American Papist Blog)

Il Papa all'ostello Caritas domenica 14 febbraio (Antonella Gaetani)

Silenzio dal Vaticano sul "caso" Boffo. Il Papa conferma il suo stile e stigmatizza le lotte di potere nella Chiesa (Apcom)

Si affilano le britanniche penne e si prepara il viaggio mediatico parallelo. Intanto la Chiesa Inglese appronta un "team" (Asca)

Dibattito in Inghilterra sulle parole del Papa ai vescovi, il rabbino Sacks: invece di giudicarle inappropriate si apra un dibattito onesto (Times)

Incontro con il clero di Roma, il Papa accoglie la richiesta di tenere una lectio divina sul sacerdozio (Asca)

Catherine Pepinster: "Il mio orgoglio per la visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna" (Guardian)

Il Patriarca Cirillo sottolinea la sintonia con Benedetto XVI: "Le nostre posizioni coincidono su numerose questioni" (Osservatore Romano)

Il Papa condanna la tentazione del potere nella Chiesa, mentre divampano le polemiche sul "caso" Boffo (Izzo)

Le immagini dell'esibizione del Circo Americano davanti al Papa (Rome Reports)

Il Papa: gli uomini di Chiesa non sono esenti dalle tentazioni del potere (Izzo)

Bertone “blinda” il direttore dell’Osservatore Romano (Politi)

Benedetto XVI prepara la visita in Inghilterra con un discorso poco british (Rodari)

Il politicamente corretto inglese e la «verità» riaffermata dal Papa (Ventura)

Il Papa: San Domenico ed i suoi predicatori sono esempio per la Chiesa di oggi (Izzo)

Il Papa: "Esorto dunque tutti, pastori e laici, a coltivare questa “dimensione culturale” della fede, affinché la bellezza della verità cristiana possa essere meglio compresa e la fede possa essere veramente nutrita, rafforzata e anche difesa. In quest’Anno Sacerdotale, invito i seminaristi e i sacerdoti a stimare il valore spirituale dello studio. La qualità del ministero sacerdotale dipende anche dalla generosità con cui ci si applica allo studio delle verità rivelate" (Catechesi)

Benedetto XVI e lo scrittore Joseph Ratzinger ("Lo Svizzero")

Complotto contro Boffo? Il Vaticano: sconcerto (Vecchi)

Gravissime accuse a Bertone e Vian in un articolo di Repubblica. Che cosa aspetta la Santa Sede a reagire? (R.)

Caso Boffo, il card. Re: impensabile che la "manovra" sia partita dai Sacri Palazzi. Il Papa avvia riservatamente una serie di colloqui (La Rocca)

Il Prof. Matteo Luigi Napolitano ricostruisce la storia del falso scoop su Pio XII

Su segnalazione di Guglielmo ed Alessia leggiamo:

Dessì espulso dalla Chiesa

Decreto di Benedetto XVI

Marco Dessì era stato condannato per abusi sessuali su bambini del Nicaragua. Ora non è più prete: un decreto inappellabile del Sommo Pontefice lo ha dimesso dallo stato clericale. Nel maggio scorso la Cassazione ha annullato la sentenza di condanna per le imputazioni antecendenti l'agosto 1998

Padre Marco Dessì è stato espulso dalla Chiesa. Il missionario di Villamassargia condannato per abusi sessuali su bambini del Nicaragua è stato estromesso con un decreto emesso l'otto gennaio da Papa Benedetto XVI, che lo ha "dimesso dallo stato clericale" e ridotto allo stato laicale. Per Dessì divieto assoluto di celebrare messa e altri sacramenti, di portare l'abito talare e "insegnare alcuna disciplina teologica", perfino "negli istituti anche non dipendenti dall'Autorità ecclesiastica".
Si tratta di un provvedimento inappellabile promulgato dalla più alta autorità di Santa Romana Chiesa a seguito di indagini compiute direttamente dagli ispettori dalla Congregazione per la dottrina della fede (ex Sant'Uffizio). Un verdetto del Vaticano che arriva prima della fine dei vari gradi di giudizio dei tribunali italiani, segno che le gerarchie ecclesiastiche non hanno dubbi sulla colpevolezza di Dessì.
La vicenda. Il sacerdote sardo era stato condannato il 23 maggio del 2007 dal gup Roberto Spanò a 12 anni per violenza sessuale su tre ragazzi della comunità di Chinandega, in Nicaragua, di cui era responsabile. Dessì sta scontando la pena nel carcere di Saluzzo in un reparto riservato ai detenuti per reati a sfondo sessuale. Il processo d'appello si era chiuso con uno sconto di pena, dopo che il procuratore generale aveva chiesto la conferma del verdetto di primo grado. A Bologna il sacerdote aveva tentato, attraverso i propri legali, di dimostrare che nulla aveva a che vedere con quelle pesantissime accuse. Avendo scelto il rito abbreviato aveva avuto diritto, come in primo grado, a uno sconto di un terzo della pena. Un'inchiesta complessa, quella condotta dal pm Lucia Russo, che delineò l'immagine di un sacerdote che raccoglieva fondi in tutto il mondo per assistere quei ragazzi di cui poi, secondo l'accusa, abusava. Nel computer di don Dessì furono trovati 1.440 file con immagini pedopornografiche. Materiale che il prete, stando alle imputazioni, continuò a scaricare fino a due giorni prima dell'arresto, avenuto il 4 dicembre 2006. Le indagini partirono dopo le denunce, raccolte da alcuni volontari italiani, da parte di sei ragazzi nicaraguensi che poi si appoggiarono ad alcune associazioni, come Rock no war di Modena e Solidando di Cagliari.
Dessì può tuttavia sperare in una nuova riduzione della pena dopo che la Corte di Cassazione ha giudicato prescritti alcuni episodi che gli venivano addebitati e ha disposto la celebrazione di un nuovo processo in Appello il prossimo autunno. Nel maggio 2009 la terza sezione penale della Cassazione ha infatti annullato senza rinvio la sentenza di condanna per quanto riguarda tutte le imputazioni relative ai fatti precedenti l'agosto 1998. Processo da rifare, invece (annullamento con rinvio alla corte d'appello di Bologna) per gli altri episodi al centro del processo.

© Copyright REPUBBLICA (Parma), 4 febbraio 2010 consultabile online anche qui.

Mancuso...Mancuso...Mancuso? Pronto? Mancuso? :-)
E dire che Repubblica riporta sia questo articolo sia quello di Mancuso...

R.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

finalmente nella Chiesa si fa pulizia di troppo marciume, troppo a lungo tollerato e nascosto, episodi che hanno inflitto un grave danno d'immagine alla Chiesa Cattolica ed allontanato parecchi fedeli dalla partecipazione e dalla fede, a causa dell'incoerenza tra le prediche e la vita di alcuni religiosi.
Qualche tempo fa un anziano sacerdote mi raccontava di essere assolutamente convinto che un buon numero di preti e vescovi defunti non fossero nella gloria di Dio, ma nelle fiamme dell'inferno.

Maria ha detto...

Repubblica? Un colpo alla botte ed uno al cerchio!

In ogni caso, anche nel fare le pulizie ci vuole "arte", altrimenti si crede di pulire ed invece si fa piu' confusione! Forse questo è un particolare che ad alcuni sfugge;)

sonny ha detto...

Scusa per l'OT Raffa. Se non erro in mattinata dovrebbe esserci la presentazione, in sala stampa vaticana, del messaggio del Papa per la Quaresima. Mi auguro che chi esporrà il documento, sia reattivo e vigile, perchè sicuramente la domandina avvelenata arriverà. Vedremo!

euge ha detto...

Caro Anonimo per troppo tempo si è dato più spazio al fumo negli occhi che alla vera situazione della chiesa!
Solo che la sporcizia è talmente incarognita che ora è difficile sradicarla in modo definitivo.