martedì 21 settembre 2010

Il Papa che si commuove incanta gli scettici inglesi. Smentiti i pronostici dei mass media (Cusimano)


Vedi anche:

Da Bologna a Hyde Park: «Noi ragazzi, nella veglia multirazziale, ci siamo sentiti chiamati per nome» (Andrini)

Magister: È stato un viaggio che ha conquistato l’attenzione, il rispetto e anche la simpatia di una grandissima parte degli inglesi (Cusimano)

La Messa con il rito di beatificazione del card. Newman (Muolo)

Padre Langhan: «Il Papa lascia una traccia molto profonda nel Regno Unito» (Mazza)

Il Papa e Newman. L'Ulisse cristiano. La verità cercata, la verità incontrata (Paolo Bustaffa)

Vaticano, indagato presidente Ior. Gotti Tedeschi: mi sento umiliato

Indagato il presidente dello Ior. Le rane dalla bocca larga: tiro mancino dopo il successo del Papa a Londra

Santa Sede: piena trasparenza dello Ior e massima fiducia nei suoi dirigenti (Radio Vaticana)

Le parole del Papa nel Regno Unito (Radio Vaticana)

Benedetto XVI apprezzato persino dalla Bbc (Frigerio)

Benedetto ha vinto la battaglia d'Inghilterra (Tosatti)

Vaticano, indagato il presidente dello Ior e sequestrato conto da 23 milioni di euro

Il Papa a Venezia l'otto maggio 2011?

Il Papa tocca il cuore della Gran Bretagna (Muolo)

Ecco perché il Papa che partiva sconfitto è tornato vincitore da Londra: B-XVI ha stupito e conquistato i media e i fedeli più scettici (Rodari)

Il viaggio del Papa nel Regno Unito: lo speciale di Liberal

Il viaggio del Papa in GB. La forza di gesti e parole incalzanti li ha spinti a pensare e loro hanno risposto (Mazza). L'onestà della stampa inglese

I PROSSIMI "APPUNTAMENTI TELEVISIVI E RADIOFONICI" DEL SANTO PADRE (aggiornamento)

"Cristianità": la parola che non piace al Papa (Di Giacomo)

La via chiara di Papa Ratzinger. Il "Manifesto di Westminster" (Sole 24 Ore)

Gli elogi dei media inglesi al Papa

Intervista a Padre Lombardi: «Il Papa visto in tv nella sua umiltà» (Marroni)

Le "scuse" di Lawson (Independent) al Papa: l'umiltà è la sua più grande virtù. Forse è il suo essere "apolitico" che affascina tanto la gente

Per i media inglesi un successo la visita del Papa (America Oggi)

Newman precursore del Concilio? Le analisi di Faggioli, Ker, Rodari e Messainlatino

Il Papa ha incontrato le vittime. Indicazione di metodo nella lotta contro gli abusi (Gianluca Biccini)

La tenerezza di Benedetto XVI nei confronti dei piccoli e dei deboli spiega le sue forti parole di fronte ai crimini degli abusi su minori (Vian)

Il popolo inglese ha scoperto il Papa, quello vero (Luca Volonté)

Blair: «Diventare cattolico è stato come tornare a casa» (Repubblica)

Il viaggio del Papa nel Regno Unito: Quattro giorni commoventi (Angela Ambrogetti)

600mila persone per il Vicario di Cristo.Successo della "4 giorni" in Gran Bretagna (Matteo Orlando)

Alla messa di beatificazione del cardinale Newman, il Papa invoca un «laicato non arrogante, non precipitoso nei discorsi, non polemico» (Galeazzi)

"Attacco a Ratzinger": intervista di Zenit ad Andrea Tornielli

Sandro Magister: così Benedetto ha ritrovato l’unità coi fratelli inglesi (Sussidiario)

Il Papa conclude il viaggio nel Regno Unito beatificando John Henry Newman e ricordando che la vita di fede è una chiamata alla santità (O.R.)

L'incontro con cinque vittime fa commuovere il Pontefice (Ansaldo)

Quella voce interiore che ha illuminato Sophie Scholl e Joseph Ratzinger (Sussidiario)

PAPA/ 100mila ragioni (Ubaldo Casotto)

Milbank (anglicano): da questo Papa abbiamo reimparato la ragione e la fede (Sussidiario)

Il popolo inglese ha capito, ha compreso la significativa sensibilità del Papa (Collacciani)

I precedenti quattro incontri del Papa con le vittime di abusi (Liut)

Abusi, il Papa commosso tra le vittime. Dopo la Messa a Westminster l’incontro in forma privata presso la nunziatura apostolica di Londra (Mazza)

Questo tempo per l’Europa. C’è una costante nei viaggi "settembrini" di Benedetto XVI (Muolo)

La stampa inglese entusiasta di Benedetto. Il Sunday Times chiama il Papa "Santo nonnetto"

Stephen Glover: se solo l'arcivescovo di Canterbury osasse parlare con un briciolo dell'autorità di Benedetto (Daily Mail)

Grande entusiasmo e folla per il Papa anche a Birmingham. Il pranzo con i vescovi ed il "classico decollo" della papalina (Izzo)

E alla fine l'Inghilterra lo amò (José Luis Restán)

Testimoni inglesi: una bella riflessione di Lorenzo Bertocchi

In un articolo di Marroni (pieno di stereotipi) c'è una frase molto importante sulla ragione per cui il Papa torna spesso sul tema della pedofilia

Il Papa ha beatificato Newman. Da giovane lo contrappose ad Hitler (Izzo)

Benedetto, il Papa che spiazza i media (Marco Bardazzi)

Richard Owen, vaticanista del Times: è la "sorpresa spirituale" il dono di Papa Benedetto alla Gran Bretagna (Galeazzi)

Il Papa e le folle (Roos Douthat per il New York Times)

Il bilancio del viaggio del Papa nel Regno Unito nel bel commento di Andrea Tornielli

Il grande entusiasmo di Damian Thompson sul viaggio del Papa nel Regno Unito

Frédéric Mounier, sul suo blog, ammette di non comprendere la ragione dei successi di Papa Benedetto :-)

La passione, l’insistenza, la radicalità della sua condanna della pedofilia hanno dato al Papa una statura morale e intellettuale enorme (Rusconi)

Il Papa dona una nuova pagina alla Chiesa cattolica nel Regno Unito (Edward Pentin)

"Effetto Benedetto in GB", la sincerità paga (Izzo)

In Gran Bretagna, Benedetto XVI compie un viaggio molto politico (La Croix)

Sono stati quasi 600 mila i fedeli che hanno partecipato ai diversi incontri con il Papa in Gran Bretagna (Izzo)

Trasparenza e grazia: la forza di Benedetto (Lucio Brunelli)

Il cuore del Papa si è accostato al cuore straziato delle vittime dei preti pedofili (Giansoldati)

IL PAPA NEL REGNO UNITO: I SERVIZI, I VIDEO, LE FOTO ED I PODCAST

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE NEL REGNO UNITO (16 - 19 SETTEMBRE 2010): LO SPECIALE DEL BLOG (Articoli, notizie, interviste)
_________________________________

Il Papa che si commuove incanta gli scettici inglesi

Benedetto XVI protagonista di una visita di Stato riuscita sotto tutti i punti di vista

DI FABIANA CUSIMANO

Un successo contro ogni previsione.
Benedetto XVI ha vinto un’altra difficile sfida nella sua personale lotta contro il relativismo: nei suoi quattro giorni in Gran Bretagna è riuscito a oscurare tutte le
proteste e le polemiche della vigilia, trasformando un viaggio irto di ostacoli e controversie in una vittoria personale, mediatica e politica, che ha certamente segnato una nuova pagina nella storia dei rapporti tra Chiesa e Regno Unito.
Tutti i fronti polemici sono stati abbattuti grazie ad una buona dose di umiltà e alla forza della fede. Il primo a cadere è stato quello mediatico.
I toni disastrosi dei giorni precedenti all’arrivo del Santo Padre sul suolo britannico si sono man mano ridimensionati. Quello che Benedetto XVI ha detto e fatto
concretamente in quei pochi giorni ha rovesciato le previsioni degli organi di stampa inglesi che per mesi avevano accompagnato l’avvicinarsi del viaggio con accentuazioni polemiche molto forti. Ed è stato smentito chi auspicava indifferenza
e ostilità da parte degli inglesi nei confronti della visita: sono stati almeno mezzo milione in quattro giorni a partecipare ai vari momenti d’incontro con il Papa.
Contro la forza del successore di Giovanni Paolo II nulla ha potuto neanche l’arresto preventivo dei sei algerini (risultati poi innocenti) accusati di voler attentare alla sua vita.
Altra vittoria senza precedenti sul piano politico. Benedetto XVI è stato innanzitutto il primo papa in visita di Stato e non pastorale nel Regno Unito.
È stata infatti Elisabetta II ad invitarlo, e la famiglia reale gli ha riservato il massimo degli onori e dell’attenzione. Basti pensare all’accoglienza, senza precedenti nel protocollo reale, riservatagli dal principe Filippo, che ha atteso all’aeroporto l’arrivo del Pontefice per poi “scortarlo” dalla regina. Il Parlamento inglese non è stato da meno. Il vescovo di Roma è stato accolto da un videomessaggio
di benvenuto del premier David Cameron e ha avuto la possibilità di rivolgersi alla società civile dalla Westminster Hall, il luogo tradizionalmente più sacro delle istituzioni britanniche, al cospetto di tutti gli ex primi ministri e dei più alti rappresentanti del mondo politico e culturale. Benedetto è stato inoltre il primo pontefice a parlare alla Lambeth Conference dei vescovi anglicani; il primo a partecipare a una liturgia ecumenica nella Westminster Abbey, il cuore della Chiesa anglicana, a fianco del primate della Chiesa d’Inghilterra, l’arcivescovo di Canterbury Rowan Williams. Con il primate ha volutamente sorvolato sugli attriti degli ultimi tempi, e ha puntato su quanto unisce Roma e Londra, sottolineando la responsabilità comune dei cristiani nella società.
All’interno della Westminster Abbey, Ratzinger ha anche reso omaggio al monumento al milite ignoto, un evento particolarmente atteso dalla stampa britannica visto l’anniversario della “Battaglia d’Inghilterra”, con la quale durante il secondo conflitto mondiale l’Inghilterra respinse gli attacchi aerei della Germania nazista. E proprio alla «vergogna» e «all’orrore» dell’ideologia maligna del nazismo il
Papa ha dedicato uno dei suoi più apprezzati interventi. «Per me, che ho vissuto e sofferto lungo i tenebrosi giorni del regime nazista in Germania - ha detto Benedetto
XVI- è profondamente commovente essere qui con voi in tale occasione e ricordare quanti dei vostri concittadini hanno sacrificato la propria vita».
L’omaggio alla lotta inglese contro il nazismo è arrivato prima dell’omelia pronunciata a Birmingham in occasione della beatificazione di John Henry Newman, anglicano convertitosi al cattolicesimo.
Al teologo della “coscienza” Benedetto XVI ha riconosciuto una “eccezionale santità”. Ed è già in corso l’accertamento del secondo miracolo, quello che potrebbe
già aprire al cardinale inglese le porte della canonizzazione. Ratzinger lo ha definito un «moderno», e ne ha additato l’esempio agli uomini di Chiesa, ma anche ai fedeli laici, auspicando «un laicato intelligente e ben istruito».
Della visita rimarrà, infine, il forte mea culpa di Ratzinger sull’annosa vicenda dello scandalo dei preti pedofili.
Ancor prima di calcare il suolo britannico, in aereo con i giornalisti, ha voluto subito affrontare il tema, dedicandogli poi altri tre distinti interventi. Ha incontrato le vittime e condannato con toni forti e chiari questo «vergognoso» atto che «mina seriamente la credibilità morale dei responsabili della Chiesa».

© Copyright La Discussione, 21 settembre 2010

I TIMORI DELLA VIGILIA

Smentiti i pronostici dei mass media poche le proteste

Un’accoglienza indifferente e persino ostile, proteste e accuse, malumori e contrarietà di ogni genere.
Erano questi i timori della vigilia del viaggio del Papa nel Regno Unito conclusosi domenica scorsa.
Durante i mesi che hanno preceduto la prima visita di Stato di Benedetto XVI in Gran Bretagna la stampa britannica non ha lesinato polemiche molto forti contro il Vaticano, “costruendo” le premesse di un viaggio che doveva, stando sempre ai pronostici, trasformarsi in un vero e proprio fallimento.
E c’era addirittura chi ventilava l’idea che era meglio annullarlo.
I motivi di acredine, in effetti, c’erano tutti. In primis i difficili rapporti tra cattolici e anglicani, soprattutto in seguito alla decisione degli anglicani di dire
sì all’ordinazione sacerdotale e vescovile delle donne.
E la recente risposta del Papa che ha autorizzato i preti anglicani dissidenti a rientrare in comunione con Roma, con un nuovo ordinariato. In questo senso, ad animare gli animi della vigilia, anche la beatificazione del cardinale John Henry Newmann, il grande cultore della coscienza che nell’Inghilterra dell’800 lasciò l’anglicanesimo per farsi cattolico.
La protesta più temuta era, però, quella annuncita dal gruppo di atei militanti che aveva addirittura chiesto l’arresto di Benedetto XVI durante la sua permanenza in Inghilterra per «crimini contro l’umanità».
A promettere proteste di piazza vari movimenti.
In particolare, svariati gruppi antipapisti - inclusi attivisti per i diritti umani, gruppi laici, umanisti e sostenitori dell’aborto - hanno formato una coalizione chiamata “Protest the Pope” (Protestate contro il Papa) che a Londra ha marciato effettivamente contro Benedetto XVI, sabato scrorso, da Hyde Park fino a Downing Street, residenza del primo ministro.
Ma senza suscitare grande clamore.
Altra protesta che ha trovato assai spazio sui giornali è stata, infine, quella legata al costo della visita del vescovo di Roma, che essendo visita di Stato, è stata tutta a carico dei contribuenti inglesi. Polemiche, infine, anche sui «biglietti» necessari per partecipare alle messe (il costo andava dalle 5 alle 25 sterline).
Tutte proteste queste che sono andate di pari passo con i sondaggi più disparati sul malcontento dei sudditi di sua maestà. Alla vigilia della visita erano comunque molti i biglietti invenduti per assistere agli incontri pubblici del Santo Padre, previsti a Glasgow, Birmingham e Londra. Si temeva, o meglio si auspicava in un certo senso, una diserzione da parte dei britannici agli incontri con il Pontefice.
Anche su questo fronte, però, i toni della vigilia si sono dimostrati allarmanti e poco veritieri.
fa.cu.

© Copyright La Discussione, 21 settembre 2010

1 commento:

ciao r ha detto...

Benedetto XVI è un grande Papa.
Senza fare confronti con i predecessori, papa Ratzinger sta sviluppando tutto un lavoro di ascolto e di attenzione alla voce di Dio che parla dentro e fuori dalla Chiesa, quella voce di Dio che è sempre flebile e che si può ascoltare solo nel silenzio.
Ciao
r