martedì 16 marzo 2010

Chiusa la visita apostolica ai Legionari di Cristo.Ratzinger aprì l'inchiesta già da cardinale nonostante le resistente interne al Vaticano (Magister)


Vedi anche:

La battaglia del Papa contro la pedofilia ecclesiastica: il "caso" Maciel Degollado e la "visitazione apostolica" ordinata dal Papa nei confronti dei Legionari di Cristo

Benedetto XVI è il capro espiatorio, perciò sempre più Vicario di Cristo (Volontè). Da incorniciare

Se lo «scandalo pedofilia» diventa l'alibi per un attacco totale alla Chiesa (Camillo Tarocci)

Quegli attacchi al Papa teleguidati (José Luis Restan)

Pedofilia, il primate d’Irlanda verso le dimissioni? (Tornielli)

Pedofilia e celibato. Salviamo i preti? Il commento di Leonardo Tondelli

Il Papa ai Luterani: unità, dono di Dio che ci chiama all’impegno (Mazza)

Con la crisi si dimettono i fedeli. Succede in Germania dove i cristiani debbono pagare l'8% in più delle tasse alle chiese (Giardina)

Le mie scuse ed i miei ringraziamenti al blog. Grazie ancora a tutti per il sostegno :-) (Raffaella)

La tragica questione degli abusi sessuali usata come ricatto (Elio Bromuri)

Il Papa: giovani, non rinunciate ai vostri sogni di fraternità, di giustizia e di pace (AsiaNews)

Precisazione: Joseph Ratzinger venne nominato Prefetto della CDF il 25 novembre 1981 e rinunciò alla diocesi di Monaco il 15 febbraio 1982

Diocesi Monaco: Prete condannato è stato sospeso. Secondo Apcom Ratzinger è stato arcivescovo di Monaco dal 1977 al 1986!

Testimoniare la fede è un compito che il Papa si è assunto e che, con ferma mitezza nonostante incomprensioni e attacchi, continua a richiamare (Vian)

Benedetto XVI rilancia la “profezia” del celibato e scrive un decalogo anti pedofili (Rodari)

Sciolto il partito pedofilo olandese, “una grande vittoria morale”. Il commento di don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter (Zenit)

Angela Merkel soddisfatta per la volontà del Papa di fare chiarezza sulle denunce di abusi (Adnkronos)

Lettera del Papa ai giovani: grazie a Wojtyla per le GMG (Izzo)

Secondo l'Asca il fratello del Papa sarebbe coinvolto in denunce di abusi sessuali. Si imponga la rettifica immediata per palese falsità della notizia

Nonostante le difficoltà, non rinunciate ai sogni e rifiutate una libertà svincolata da valori: così il Papa ai giovani, nel Messaggio per la 25ma Gmg

Su RAI.TV nasce il nuovo spazio web di Rai Vaticano: comunicato stampa

Il Papa ai Luterani: «Noi non dovremmo litigare ma cercare di essere più uniti. Della divisione non possiamo essere contenti» (Perugia)

Benedetto XVI in visita alla comunità luterana di Roma: guardare con fiducia a Cristo per proseguire sulla via dell’ecumenismo (Radio Vaticana)

Lettera del Papa ai giovani: il futuro è nelle vostre mani (Izzo)

Il Papa ai giovani: Non fatevi spaventare da disoccupazione e crisi

Il Papa: "Dio ci dà i comandamenti perché ci vuole educare alla vera libertà, perché vuole costruire con noi un Regno di amore, di giustizia e di pace. Ascoltarli e metterli in pratica non significa alienarsi, ma trovare il cammino della libertà e dell'amore autentici, perché i comandamenti non limitano la felicità, ma indicano come trovarla" (Messaggio per la XXV Giornata Mondiale della Gioventù)

Il Papa: “L’unità è un dono che ci può essere dato solo da Dio” (Sir)

Delirio di onnipotenza. Padre Scalese risponde per le rime al vescovo Pacomio e al signor De Magistris

Irlanda, chieste le dimissioni del card. Brady. Il porporato rifiuta (Bandini)

L'incontro di Benedetto XVI con i Luterani: il commento di Fabio Zavattaro (Sir)

Secondo Repubblica il Papa è "ambiguo" sulla pedofilia. Quel "io mi vergogno" è stato dimenticato?

Papa Ratzinger sta lasciando traccia non perché è un teologo dotto e sapiente, ma perché è un vero cristiano (Mastroianni)

I moralisti dalla vita bassa che mettono la chiesa sotto assedio (Giuliano Ferrara)

Pedofilia, Mons. Fisichella: «Coinvolgere il Papa e l’intera Chiesa è una violenza ulteriore e un segno di inciviltà» (Vecchi)

Il presidente di «La Caramella Buona Onlus» scrive al Papa: «Bene la linea della fermezza, ora punire chi copre le violenze» (Tornielli)

Benedetto XVI nella chiesa luterana di Roma per promuovere l'unità. Sottolinea gli elementi comuni e chiede di avanzare con impegno (Colina)

Il Vaticano contro la pedofilia: sarà abolita la prescrizione (Vecchi)

Il Papa: «Le nostre divisioni sono un peccato di cui portiamo la colpa» (Nìcoli)

Benedetto XVI visita la Chiesa luterana di via Firenze a Roma: "Abbiamo diviso l'unico cammino in tanti cammini" (Repubblica)

Su segnalazione di Alessia leggiamo:

La Legione aspetta un nuovo generale. E trema

Un commissario di nomina vaticana prenderà il comando dei Legionari di Cristo, orfani del loro fondatore Marcial Maciel, travolto dagli scandali. È il prevedibile sbocco di otto mesi di indagini. Molte cose dovranno essere cambiate, compresi gli attuali capi

di Sandro Magister

ROMA, 16 marzo 2010

Nel pieno della tempesta che scuote la Chiesa cattolica per gli abusi sessuali su minori commessi da sacerdoti, si è chiusa la visita apostolica ordinata dalla Santa Sede tra i Legionari di Cristo, la congregazione fondata da Marcial Maciel.
Il caso Maciel è estremo in tutto. Spinge a limiti esasperati il contrasto tra l'immagine e la realtà. Tra l'immagine venerata del sacerdote fondatore di una congregazione religiosa ultraortodossa, ascetica, devota, fiorente di vocazioni anche esemplari, e la realtà di una sua seconda vita dissoluta, fatta di incessanti violazioni non solo dei voti ma dei comandamenti, di continue avventure peccaminose con donne e uomini e ragazzi di ogni età e condizione, con figli e amanti disseminati ovunque nel mondo, di numero tuttora imprecisato.
Una seconda vita che anche al momento della morte è parsa sprofondare tra bagliori sulfurei. Racconti gotici trapelano sugli ultimi giorni di Maciel a Houston, alla fine di gennaio del 2008, prima della sua sepoltura a Cotija, la sua città natale, in Messico.
La visita apostolica è iniziata il 15 luglio 2009. E i cinque vescovi visitatori hanno esaurito il loro mandato alla metà di questo mese di marzo, con la consegna del loro rapporto alle autorità vaticane. Erano Ricardo Watti Urquidi, vescovo di Tepic in Messico; Charles J. Chaput, arcivescovo di Denver; Giuseppe Versaldi, vescovo di Alessandria; Ricardo Ezzati Andrello, arcivescovo di Concepción in Cile; e Ricardo Blázquez Pérez, vescovo di Bilbao.
Saranno poi le autorità vaticane a decidere che fare. I tre cardinali investiti del caso sono Tarcisio Bertone, segretario di Stato, William J. Levada, prefetto della congregazione per la dottrina della fede, e Franc Rodé, prefetto della congregazione per gli istituti di vita consacrata.

Ma l'ultima parola la dirà comunque Benedetto XVI, il più chiaroveggente di tutti. Già prima d'essere eletto papa e quando ancora in Vaticano Maciel aveva protettori fortissimi, Joseph Ratzinger fece compiere un'indagine a fondo sulle accuse al fondatore dei Legionari. E da papa, il 19 maggio 2006, lo condannò "a una vita riservata di preghiere e di penitenza".

Dopo questa condanna, la congregazione dei Legionari si piegò al comando papale. Ma continuò a prestare venerazione al proprio "padre" fondatore, come "vittima innocente" di false accuse.
Solo dopo la sua morte e l'affiorare di altri scandali trovò spazio tra i dirigenti della congregazione l'ammissione di alcune colpe del fondatore, ma non tali da indurli a smentire la bontà della sua opera.
Ancor oggi, dopo gli otto mesi della visita apostolica, il successore di Maciel come direttore generale della congregazione, don Álvaro Corcuera, e il vicario generale Luis Garza Medina – che furono anche per decenni, specie il secondo, strettissimi collaboratori del fondatore – non manifestano alcuna intenzione di lasciare il comando. E così altri dirigenti medio-alti, centrali e periferici.
La loro linea di difesa è che essi sarebbero stati sempre all'oscuro della seconda vita di Maciel e che la loro fedeltà alla Chiesa e al papa, oltre che la loro esperienza di guida, sarebbero tali da assicurare nel miglior modo la continuità della congregazione.
Il 5 febbraio scorso, su "L'Osservatore Romano", padre Luis Garza Medina pubblicò imperturbabile un articolo per descrivere come dovrebbe essere la "vita virtuosa" del sacerdote ideale. Lui che ha vissuto più di ogni altro a fianco a fianco con Maciel, conoscendone tutti i segreti e amministrandone i denari, e che l'ha sempre esaltato come modello.
Ma che gli attuali capi dei Legionari siano lasciati dalle autorità vaticane alla testa della congregazione è del tutto inverosimile. La decisione più probabile è che la Santa Sede nominerà un proprio commissario dotato di pieni poteri e fisserà le linee guida per una rifondazione di tutto, compresa la sostituzione degli attuali dirigenti.
Rifondare da capo, però, una congregazione nella quale l'impronta dell'indegno fondatore è tuttora fortissima, sarà impresa ardua.
Sacerdoti e seminaristi che fino a ieri sono stati imbevuti degli scritti attribuiti a Maciel avranno difficoltà a trovare nuove fonti ispiratrici, non generiche ma specifiche per il loro ordine. Né gli attuali capi della congregazione aiutano. Anzi. Un'ex segretario personale di Maciel, padre Felipe Castro, assieme ad altri sacerdoti della Legione, ha lavorato in questi mesi a selezionare tra le numerosissime lettere del fondatore un gruppo di lettere da "salvare" per il futuro, per tener viva un'immagine positiva di Maciel.
La dipendenza dei Legionari da Maciel era – e per molti è ancora – totalizzante. Non c'era briciolo della vita quotidiana che sfuggisse alle regole da lui dettate. Regole minuziose fino all'inverosimile. Che ordinavano, ad esempio, come sedersi a tavola, come usare il tovagliolo, come deglutire, come mangiare del pollo senza usare le mani, come spinare un pesce.
Ma questo era nulla in confronto al controllo esercitato sulle coscienze. Il prontuario per l'esame di coscienza alla fine di una giornata era di 332 pagine, con migliaia di domande.
E poi c'erano – e ci sono – gli statuti veri e propri. Molto più ampi e dettagliati di quelli forniti ai vescovi delle diocesi nelle quali i Legionari hanno le loro case. I cinque visitatori hanno faticato non poco per ottenere gli statuti nella loro integralità.
Dagli statuti si ricava che oltre ai tre voti classici degli ordini religiosi, di povertà, castità e obbedienza, i legionari erano tenuti ad altri due voti – più un terzo detto "di fedeltà e carità" per i membri scelti della congregazione – che vietavano qualsiasi tipo di critica e contemporaneamente obbligavano a denunciare ai superiori i confratelli che fossero stati visti violare il divieto.
Questi voti aggiuntivi sarebbero stati cancellati per ordine della Santa Sede, nel 2007. Ma al corpo dei Legionari questa revoca non risulta essere stata notificata.
Tra lo spirito di obbedienza e lo spirito di sottomissione il confine non è sempre percepibile, nella congregazione fondata da Maciel.
Tra i Legionari, la competizione incoraggiata dalle regole è tra chi riesce a fare più proseliti. E il novizio entra da subito in una macchina collettiva che assorbe completamente la sua individualità. Tutto è controllato e regolato meticolosamente, in una selva di limitazioni. Dalla posta personale alle letture, dalle visite ai viaggi.
Negli otto mesi della visita apostolica, questo controllo si è allentato solo in parte. Alcuni sacerdoti hanno denunciato ai visitatori le cose che ritenevano sbagliate. Altri hanno abbandonato la congregazione e si sono incardinati nel clero diocesano. Altri sono rimasti a presidio dell'eredità di Maciel. Altri si ritrovano come smarriti. Altri ancora, infine, hanno fiducia nella rinascita su nuove basi di una congregazione religiosa che è parte della loro vita e continuano ad amare.

http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1342498

3 commenti:

Il Cireneo ha detto...

Mah! Magister ogni tanto se la prende con tutti!
Il Papa darà alla Legione la possibilità di ricostruirsi! Io tutti i sabati vado all'UPRA e non vedo gente ne rassegnata ne indecisa. sabato c'è stata una giornata di festa per bambini e direi che la sala era strapiena.
Fare di tutta un erba un fascio e non credere alla buona fede è a-prioristicamente disonesto!
Matteo Dellanoce

Anonimo ha detto...

vian deve sempre distinguersi...

SERAPHICUS ha detto...

Che commenti interessanti....